Liberi di essere, liberi di muoversi

Nuovi mezzi di trasporto per l'Associazione Salvamamme concessi dalla Società MLG S.r.l.
Enzo Luciani - 7 Febbraio 2013

Per il 2013 l’Associazione Salvamamme ha sottoscritto con la Società MLG S.r.l. un contratto per il progetto "Liberi di essere, liberi di muoversi" per la concessione, in comodato gratuito, di autoveicoli, attrezzati per la mobilità di persone con limitate abilità motorie, insieme alla fornitura di percorsi formativi mirati alla crescita ed allo sviluppo della realtà imprenditoriale sul territorio, stimolando l’attività sociale degli imprenditori locali ad offrire un valido supporto ai servizi socio assistenziali territoriali.

Si tratterà di mezzi sociali gratuiti a servizio delle famiglie in difficoltà socio economica e con problemi di salute, che verranno utilizzati dall’Associazione per affiancare, in particolare, le donne in gravidanza o con il neonato durante i difficili spostamenti o per consegnare loro, a domicilio o presso le sedi sociali a loro vicine, generi indispensabili.

Un servizio, dunque, a favore di chi ne ha necessità, per cercare di dare un’opportunità di autonomia, di integrazione sociale e di miglioramento della qualità della vita. Tutto questo sarà possibile grazie agli imprenditori di zona, che, in cambio della partecipazione all’acquisto e alla messa su strada di questi autoveicoli speciali, vedranno il proprio nome scritto sulla loro carrozzeria.

I primi mezzi verranno consegnati tra marzo ed aprile e subito impiegati per il supporto a famiglie in situazione di disagio socio-economico, nell’ambito dell’attività svolta quotidianamente dall’Associazione "I Diritti Civili nel 2000 – Salvabebè/Salvamamme". La consegna avverrà con una cerimonia ufficiale alla presenza di rappresentanti dei Municipi II e XII, alla quale parteciperanno gli imprenditori che, con la propria adesione, permetteranno di realizzare il progetto.

L’Associazione no profit "I Diritti Civili nel 2000 – Salvabebè/Salvamamme" opera, con efficacia, da oltre 15 anni a tutela della maternità attraverso una serie di progetti e di interventi mirati. Il sostegno morale e materiale in favore delle madri e dei bambini si concretizza nella distribuzione di capi d’abbigliamento di prima necessità e di un’adeguata alimentazione per chi, soprattutto, si trova in condizioni economiche disagiate, ma anche in servizi di assistenza pediatrica, legale e psicologica e di formazione.

L’attività dell’Associazione si rivolge a circa 7.000 mamme (il 21% italiane, il 79% straniere) e coinvolge strutture sanitarie pubbliche (Municipi di Roma Capitale, Ospedali, ASL…) e private (Caritas, Sant’Egidio, Croce Rossa Italiana, Istituti e Enti religiosi, chiese e associazioni private con finalità sociali) operanti nel settore.
 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti