L’incipit di Luciana – Incredibile Monti – Per prudenza – ‘Me la compri, papà?’ ‘No’

Fatti e misfatti di febbraio 2013 di Mario Relandini
Enzo Luciani - 11 Febbraio 2013

L’ "incipit" di Luciana

"Stupore e rispetto – da oriente ad occidente, da esponenti di ogni religione e di ogni idea politica – dopo l’annuncio delle sue dimissioni dato da Benedetto XVI".

L’unica voce stonata, ancora una volta, dalla pseudocomica Luciana Littizzetto. La quale, irrispettosamente nei confronti di una Chiesa chiamata a superare un momento così doloroso e delicato, ha ritenuto di poter far ridere addirittura con due "battute", evidentemente, della sua "bernarda". La prima: "Propongo Fabio Fazio, quale cardinale camerlengo, con il compito di presiedere la Sede vacante fino al termine del conclave". La seconda: "Ora il Papa lo farà certamente Silvio". E, ancora, non si è neppure alla prima giornata del "Festival di Sanremo". Ad maiora.

Incredibile Monti

"Non ho affinità – ha dichiarato il "premier" uscente Mario Monti – con chi non è a favore dei disoccupati e dei lavoratori".

Mario Monti ce l’aveva con il suo Ministro uscente al Lavoro, Elsa Fornero, che pure aveva chiamato nel suo Governo? Macché. Ce l’aveva, nientemeno, con Niki Vendola. Da non credere.

Per prudenza

"Ove non dovessi vincere alle prossime elezioni – ha anticipato Antonio Ingroia, leader del movimento "Rivoluzione civile" – me ne tornerei tranquillamente in Guatemala".

Qualcuno, malignamente, va dicendo che Antonio Ingroia ha già prenotato, per prudenza, il biglietto per tornarsene a quel Paese.

"Me la compri, papà?" "No"

"L’automobilina tutta rossa che corse che fa – così un bimbetto davanti alla vetrina di un giocattolaio – Me la compri, papà?" "No".

Ma perché quel papà non ha detto "sì" come il tenero papà della celebre canzone di Gianni Morandi? Lo conoscono tutti nella zona: non è cattivo. Tanto è vero che, pochi attimi dopo, ha rassicurato il suo bimbetto che gliela comprerà il 22 giugno. Perché sarà il compleanno del bimbetto? No: perché lui sa che, fino al 21 giugno – concentrazione, naturalmente, retorica – dovrà lavorare per pagare tasse, contributi e macchinone blu a politici e a "managers" pubblici.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti