Litorale romano, Benvenuti: “Come ogni anno arriva alga che spaventa i bagnanti”

Il Presidente Nazionale del Movimento Ecologista, Ecoitaliasolidale: "Chiediamo massima celerità analisi per evitare colpo all'economia e al turismo della zona"
Redazione - 28 Luglio 2019

Come ogni anno in questi giorni di luglio arriva sul litorale romano, da Torvaianica, ad Ostia sino a Focena l’anomala colorazione del mare dovuta semplicemente alla massiccia fioritura di un’alga, in precedenza la Raphydophicea,
assolutamente non tossica per l’uomo.

Lo scorso anno i Sindaci di Ardea e Pomezia hanno interdetto inutilmente la balneazione delle zone in attesa delle rilevazioni per eventuali fonti di inquinamento.  Sta di fatto che una analisi che poteva essere realizzata in laboratorio in poche ore, ci sono volute quattro interminabili giornate ed intanto l’allarme era scattato e il divieto di balneazione aveva causato inutili disagi ai bagnanti ed un danno ingente all’economia turistica
della zona.

È quanto dichiara polemicamente Piergiorgio Benvenuti,  Presidente Nazionale del Movimento Ecologista, Ecoitaliasolidale.

Giusto che le istituzioni intervengano per garantire la salute dei cittadini e la difesa dell’ambiente e del mare, ma i provvedimenti debbono essere con la massima tempestività supportate da rilevazioni ufficiali e non si può attendere giorni interi prima di conoscere, nella più totale trasparenza,  ciò che sta accadendo.

Ora non vorremmo assistere – conclude Benvenuti – anche quest’anno al consueto gioco delle responsabilità, chiediamo di conoscere esattamente la causa del colore marrone del mare nel litorale romano perché riteniamo che ci debba essere un monitoraggio costante in merito alla qualità del mare ed ogni controllo sulle fonti di inquinamento.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti