Maltempo, allagamenti nella capitale

Profeta: "in campo una task-force di circa 150 volontari"
Enzo Luciani - 5 Luglio 2011

Dopo il caldo afoso dei giorni scorsi, un’ondata di maltempo si è abbattuta sulla capitale creando disagi alla circolazione e allagando alcune vie. «Abbiamo messo in campo una task-force di circa 150 volontari che in tempi davvero ristretti hanno risolto gran parte degli allagamenti che si sono verificati tra le ore 9 e le 10 del mattino. L’ondata di maltempo ha interessato soprattutto l’area nord – nord est della città, con piogge che secondo i dati del Centro Funzionale della Protezione civile hanno raggiunto i 40 millimetri caduti in un’ora. Meno colpito il centro storico dove sono stati registrati 15 millimetri, mentre a sud sono caduti nella stessa fascia oraria solo 2 millimetri».E’ quanto dichiara il direttore della Protezione Civile del Campidoglio, Tommaso Profeta.

«Per limitare i disagi ai cittadini – continua Profeta – abbiamo potenziato le squadre di monitoraggio e allertato immediatamente le associazioni di volontariato già dislocate nei municipi. In particolare, sono stati risolti allagamenti in: via Salaria, proprio all’ingresso di Villa Ada; via Petroselli; all’ingresso della Stazione di Settebagni; via Val Melania e via Val Solda; via Ottaviano; Corso Francia e Ponte Milvio. Inoltre, abbiamo aumentato i presidi di monitoraggio nell’area della marrana di Prima Porta dove, tuttavia, il sistema di idrovore ha funzionato perfettamente – e rimosso due alberi caduti al km 13 e al km 18 di via Aurelia». «La linea temporalesca, che ha interessato soprattutto il viterbese, è scesa in mattinata a Roma per spostarsi successivamente a Rieti. Nel pomeriggio alcune cellule temporalesche potrebbero ancora causare problemi in città e dunque, la Protezione civile del Campidoglio manterrà attivi i presidi di vigilanza fino alla tarda serata. Da giovedì, poi, ci prepareremo ad affrontare l’afa: il Centro Meteo del Dipartimento Nazionale, infatti, ha previsto un forte rialzo delle temperature fino ad oltre 35 gradi», conclude il direttore della Protezione Civile di Roma Capitale.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti