Manifesti fascisti a Roma

Il Campidoglio rassicura: "si sta procedendo alla loro rimozione". Masini(PD): "necessario prendere posizione contro queste frange estremiste"
di Alessia Maestà - 27 Ottobre 2009

Domani 28 ottobre ricorre l’87 anniversario della marcia su Roma, la storica manifestazione fascista che segnò l’ascesa al potere del Partito Nazionale Fascista con la nomina a capo del governo di Benito Mussolini. Alla vigilia di questa ricorrenza sono comparsi, in alcune strade della capitale, manifesti abusivi con il volto di Mussolini e inneggianti alla marcia su Roma. Il consigliere comunale del PD Paolo Masini ha, immediatamente, segnalato la loro presenza al Sindaco di Roma chiedendo di "prendere provvedimenti contro questi preoccupanti rigurgiti fascisti piuttosto che disperdere tante energie nello scagliarsi contro gli artisti di strada e i lavavetri" .  

Alla segnalazione del consigliere del Pd è arrivata pronta, anche, la risposta di Simone Turbolente, portavoce del sindaco di Roma, Gianni Alemanno: "Desidero tranquillizzare il consigliere Masini: non appena appreso della notizia dei manifesti, il sindaco Alemanno ha immediatamente dato disposizione al Decoro urbano di procedere alla loro rimozione. Il Decoro urbano ha già quasi ultimato le operazioni in via Nazionale. Nel ringraziare il consigliere Masini per la sua segnalazione, però, consigliamo di evitare speculazioni di basso profilo che non contribuiscono certo a rasserenare il clima e rischiano di produrre solo pubblicità per queste minuscole frange di estremisti".

Ma Masini torna sull’argomento spiegando le ragioni delle sue preoccupazioni: "Ritengo fondamentale una presa di posizione da parte del Sindaco rispetto a questi, oramai sempre più numerosi, episodi perchè non vorrei che queste frange si sentissero legittimate nel loro operato. Cominciasse il Comune, anche, a spiegare le motivazioni del gravissimo finanziamento a Casa Pound e la nomina di Andrini".

"Il proliferare di questi gruppi estremisti – continua Masini – non fanno di certo bene alla città. Governare Roma non è cosa facile e ci si può riuscire con successo solo mantenendo un clima sereno e che parli a tutti, non solo ad una parte della città.
Quando governava Veltroni in Comune, per rimuovere questa tipologia di scritte, avevamo predisposto una squadra ad hoc di studenti e consiglieri. Oggi la stessa proposta non è stata raccolta da nessuno".

"Alemanno continua a parlare di decoro urbano ma non si rende conto che quello di cui si discute non ha niente a che vedere con il decoro. Non si tratta di rimuovere "Forza Roma o Forza Lazio" dai muri ma – conclude Masini – di cancellare un’offesa grave ad una città come Roma, medaglia d’oro della Resistenza".


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti