‘Maro’ assassini’ al Prenestino scritte choc e minacce a candidato di CasaPound

A denunciare l'episodio Giuseppe Di Silvestre, il presidente di "Area Verde Di Largo Preneste"
Enzo Luciani - 20 Dicembre 2012

La falce e il martello e una scritta choc, ‘Marò assassini!’, dove c’erano i manifesti di CasaPound Italia per la liberazione dei soldati italiani. E poi, a poche centinaia di metri di distanza, insulti a Cpi e frasi oltraggiose sui muri dell’abitazione dei familiari di Fabio Perissinotto, il giovane finanziere scelto ucciso in servizio 10 anni fa, al quale il 5 novembre scorso è stato intitolato il giardino di Largo Preneste. E, ancora, scritte minacciose e adesivi ‘Roma Antifa’ sull’automobile e sui muri dell’abitazione del promotore della cerimonia commemorativa per la targa toponomastica a Perissinotto, Giuseppe Di Silvestre, presidente del Comitato “Area Verde Di Largo Preneste” e responsabile e candidato alle amministrative di Cpi nel Municipio Roma VI.

A denunciare il raid messo a segno nella notte al quartiere Prenestino è stato lo stesso Giuseppe Di Silvestre, che sottolinea: "E’ intollerabile trovarsi di fronte ancora una volta alle azioni macabre dal solito becero antifascismo militante locale. Già a distanza di pochi giorni dall’inaugurazione della targa a Fabio Perissinotto, dovemmo far rimuovere dal Decoro Urbano simili scritte. Siamo stufi di questi individui che fanno dell’odio e dell’ignoranza ottusa la loro bandiera – aggiunge Di Silvestre, da anni impegnato sulla politica sociale del quartiere Prenestino – e ci indigna che le istituzioni non facciano nulla per evitare il ripetersi di simili atti vili. Evidentemente il timore degli antifascisti è che un movimento giovane e onesto, che da anni si impegna sul sociale in maniera del tutto disinteressata, come è appunto CasaPound, possa ottenere consenso popolare e di quartiere. Un timore fondato, a nostro avviso. Ma non saranno certo questi squallidi blitz a far cambiare idea ai cittadini". 


Commenti

  Commenti: 1


  1. CARO PROGRESSO ITALIANO NON SAPEVO CHE SCRIVERE LE SOLITE CAZ***E PROPAGANDISTICHE CATTO-FASCISTE-DEMOCRATICHE FOSSE INDICE DI PROGRESSO!
    IL TUO COMMENTO STUPIDO ED ASSURDO INDICA UN SPAVENTOSO REGRESSO ITALIANO.
    QUESTA è L”ENNESIMA DIMOSTRAZIONE CHE IN TUTTI I REGIMI FASCISTI-DEMOCRATICI FILO-USA E DELLA NATO NON C”é DEMOCRAZIA Né GIUSTIZIA!
    NON ME Né FREGA UN ***** CHE I DUE ******* DI MARO ASSASSINI SIANO STATI MINACCIATI!
    NON ME Né FREGA UN ***** CHE I 2 Marò ASSASSINI SIANO ITALIANI E CHE FACCIANO PARTE DELLE FORZE NATO!
    SE HO CAPITO BENE IL TUO RAGIONAMENTO FOLLE ED ASSURDO TROVI GIUSTO CHE UN MILITARE DI UN PAESE ” DEMOCRATICO” O FASCISTA SPARI E UCCIDA SENZA MOTIVO IN ACQUE STRANIERE O INTERNAZIONALI INERMI CIVILI!

    P.S
    NON è MAI SUCCESSO CHE UN MILITARE DI UN PAESE COMUNISTA ABBIA SPARATO ADDOSSO A INERMI CIVILI STRANIERI IN ACQUE INTERNAZIONALI O STRANIERE !

Commenti