Metro B: una slot machine sui binari tra le stazioni Marconi e Eur Magliana

Domenica 2 settembre stop di 20 minuti a causa del curioso ritrovamento dopo l'avvistamento di un macchinista
di M.G. T. - 3 Settembre 2012

Ancora disagi per i passeggeri della linea B della metropolitana di Roma. Uno stop di 20 minuti ha coinvolto, domenica 2 settembre intorno alle 13.45, i treni della linea in direzione Laurentina dove un avvistamento sospetto da parte di un macchinista di un oggetto abbandonato sui binari tra le stazioni Marconi e Eur Magliana, che corrono parallele alla via del Mare dove non sono presenti abitazioni, costringendo gli utenti a proseguire il viaggio con mezzi di supeficie.  

All’arrivo sul posto delle Forze dell’Ordine la curiosa scoperta: una slot machine! Probabilmente rubata e riversa sui binari. Gli investigatori stanno tentando di scoprire, attraverso il numero di serie, da quale esercizio commerciale provenga l’oggetto. 

Questo particolare episodio, che va a sommarsi ai continui problemi subiti dai viaggiatori della Metro B, ha suscitato non poche polemiche.

Enzo Foschi, consigliere Pd alla Regione Lazio, ha commentato: "Alla metro B e alla sua dirmazione B1 succede di tutto: si ferma praticamente ogni giorno, si bloccano ascensori e scale mobili, cascano calcinacci dai soffitti e i sindacati denunciano rischi di collisione alla banchina. Con questo caso è stato raggiunto un altro traguardo, francamente inimmaginabile. A questo punto chi chiediamo, ma non è che siamo su Scherzi a parte?". 

L’Assessore alla Mobilità Antonello Aurigemma assicura: "Effettueremo un sopralluogo in occasione del potenziamento del trasporto pubblico di superficie nelle zone su cui insiste la linea B1 della Metropolitana. Insieme ai dirigenti e tecnici di Atac, all’Agenzia per la Mobilità e al VII Dipartimento e all’assessore alla Mobilità del IV,Toni Rizzo, inizieremo il monitoraggio della situazione a largo Pugliese, per poi spostarci a piazza Sempione, via Nomentana, piazza Conca d’Oro, via Monte Cervialto e Porta di Roma. Potremo così verificare sul posto le frequenze delle linee e i volumi di passeggeri, in modo da avere un quadro il più possibile dettagliato della situazione."

Il seguito alla prossima puntata. 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti