Metro C: Marino affida il potere decisionale a Improta. Spunta la data del 30 novembre per l’erogazione dei fondi

Fuori dal gioco l'assessore al bilancio Morgante. Il sindaco punta al potenziamento del dipartimento mobilità e trasporti
La Redazione - 14 Novembre 2013

Ancora colpi di scena nella saga romana della Metro C. Questa volta a prendere in mano la situazione il sindaco Marino che ha deciso di affidare il potere decisionale sull’opera al dipartimento mobilità e trasporti, quindi all’assessore Improta, da sempre in prima linea per l’erogazione dei fondi alle imprese affidatarie. Quindi fuori dal gioco l’assessore al bilancio Morgante, che aveva sostenuto la ragioneria generale del Campidoglio nello scontro con Improta per la firma del mandato di pagamento per il Consorzio Metro C.

resize

L’assessore alla Mobilità Guido Improta

Un importante novità che permette una volta per tutte di fare chiarezza sull’organo incaricato a deliberare sul fronte Metro C. Così d’ora in poi spetterà ad Improta e al suo team ordinare alla ragioneria di Palazzo Senatorio lo sblocco dei 230 milioni attesi dalle imprese per continuare i lavori e pagare le mensilità arretrate degli operai.

A fronte di questo nuovo incarico Marino chiede anche un “potenziamento del dipartimento mobilità e trasporti, attraverso l’implementazione delle necessarie risorse umane, strumentali e finanziarie, al fine di garantire la dovuta effettività delle nuove funzioni”.

Cosa penseranno le imprese e gli operai della decisione del primo cittadino? Per il momento gli unici a non aver raggiunto il loro obiettivo sono proprio questi due soggetti, visto che dei soldi ancora non c’è traccia. Ma spunta una nuova data entro cui viene promessa l’erogazione della prima tranche del debito, questa volta si parla del 30 novembre. Staremo a vedere.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti