Milan-Lazio 0-1, capitolini in semifinale di Coppa Italia

Agli uomini di Pioli, in inferiorità numerica per tutta la ripresa, basta un rigore di Biglia per accedere alle semifinali della Coppa Nazionale
di Marco Savo - 28 Gennaio 2015

Un rigore trasformato da Biglia regala la semifinale di Coppa Italia alla Lazio, dove troverà una fra Napoli ed Inter. I capitolini sconfiggono di nuovo il Milan, questa volta al Meazza dopo averli umiliati, pochi giorni prima, all’Olimpico. Una vittoria di rigore ma soprattutto conquistata con il cuore, per aver giocato l’intera ripresa in inferiorità numerica, in seguito all‘ingiusta espulsione di Cana sul finire del primo tempo.

Primo tempo – Cataldi ha una nuova chance da titolare, dopo aver esordito positivamente in campionato, proprio contro i rossoneri. Esordio dal primo minuto per il neo acquisto Mauricio. Al Meazza l’aria è pesante ed gli uomini di casa soffrono particolarmente il clima ostile del proprio stadio. Al 9’ un retropassaggio sciagurato di Abate regala un chance d’oro per Miro Klose, il quale però non riesce a centrare lo specchio di porta.

Poco dopo ennesimo errore della retroguardia di casa sulla quale l’estremo difensore rossonero, in uscita sulla trequarti, ci mette una pezza fermando Keita. Al 34’ Albertazzi, fallo di mano nella propria area di rigore, regala il penalty alla Lazio che poi Biglia trasforma: palla da una parte, portiere dall’altra. Poco prima della fine del primo tempo però Rocchi commette un grave errore sventolando il secondo ingiusto giallo a Cana, reo di aver commesso un fallo ai danni di Menez: intervento non meritevole dell’ammonizione. Si va all’intervallo, dunque, con la Lazio in vantaggio di una rete ma in inferiorità numerica.

Biglia-Milan-Lazio

Secondo tempo – Per far fronte all’uomo in meno in difesa Pioli inserisce Novaretti al posto del baby Cataldi. La mossa si rivelerà giusta perché l’argentino guiderà alla perfezione la retroguardia capitolina. Al 54’ però si fa Mauricio, dopo uno scontro duro con Berisha. Il Milan attacca a testa bassa, la prima vera occasione della ripresa arriva al 65’, su cross da Abate sul quale è provvidenziale proprio Novaretti. Al 69’ Pazzini va in goal ma l’arbitro giustamente annulla per fallo di mano.

A dieci minuti dalla fine, Keita va vicinissimo al raddoppio ma è il palo a dirgli di no. Al novantesimo altro goal annullato ai rossoneri, anche questa volta la decisione di Rocchi è giusta che è bene assistito dal guardalinee che segnala la posizione di fuorigioco di Cerci, al momento della battuta a rete. Questa l’ultimissima emozione del match del Meazza che regala una meritatissima qualificazione in semifinale di Coppa Italia. Nel turno successivo i capitolini se la vedranno con una fra Napoli ed Inter mentre in un ipotetica finale ci potrebbe essere la Roma.

Le pagelle di Milan-Lazio

Lazio
Berisha 6.5 – Sempre attento, riscatta l’ultima prova poco esaltante contro il Napoli. Grande intervento anche su Cerci.
Konko 6 – Bene quando gioca a destra, complice l’infortunio di Mauricio viene dirottato a sinistra e lì soffre maggiormente le avanzate rossonere (83’ Pereirinha sv).
Cana 6 – Subisce un ingiusta espulsione, il secondo giallo per un fallo veniale sul quale Menez accentua molto.
Mauricio 6 – Pilastro difensivo, un buon impatto alla sua prima da titolare. Nella ripresa è costretto al cambio per un dolore al costato, dopo uno scontro aereo con Berisha (54’ Basta 6 – Chiamato in causa in un momento di difficoltà per la squadra, si fa trovare pronto)
Radu 6 – Cresce di livello quando Pioli lo sposta al centro, al fianco di Novaretti.
Onazi 5.5 – Difetta di imprecisione e soprattutto nel secondo tempo sciupa qualche contropiede di troppo.
Biglia 6.5 – Match winner a San Siro, la battuta del penalty è magistrale. Oltre al goal disegna calcio che è una meraviglia.
Parolo 6.5 – Imprescindibile per Pioli, è l’uomo di cui non può fare a meno e vederlo giocare si capisce presto il motivo.
Cataldi 6 – Dopo l’ottima prova di sabato, la sua prima assoluta in Serie A da titolare, Pioli lo conferma anche in Coppa. Meno brillante rispetto alla gara di campionato. Esce all’intervallo per far posto ad un difensore, in seguito all’espulsione di Cana (46’ Novaretti 6.5 – Ottimo impatto alla gara, incredibilmente è un muro per gli attaccanti rossoneri. Provvidenziale al 66′ quando chiude ottimamente su un cross di Abate).
Klose 6 – Potrebbe far subito male ai rossoneri ma non sfrutta al meglio l’incredibile regalo di Abate. Nel secondo tempo si sacrifica molto per la squadra.
Keita 6.5 – Manca un po’ di cattiveria quando Abbiati lo anticipa sulla trequarti. Nel secondo fa salire ottimamente la squadra e quel diagonale che colpisce il palo grida ancora vendetta.
All. Pioli 7 – La sua Lazio batte di nuovo il Milan, questa volta al Meazza in un campo storicamente difficile per i capitolini. Ora anche il cammino in Coppa si fa interessante.

La Sposa di Maria Pia

Milan
Abbiati 6, Abate 5, Rami 5.5, Alex 5, Albertazzi 5 (81’ Suso sv) Poli 5.5 (79’ Van Ginkel sv), Montolivo 6, Muntari 5 (51’ Honda 6), Cerci 6.5, Pazzini 6.5, Menez 5.5. All. Inzaghi 5.5.

Arbitro: Rocchi di Firenze 6. Giustissimo il rigore assegnato alla Lazio, che alla fine dei conti è decisivo ai fini del risultato. Ingiusto il secondo giallo sventolato ai danni di Cana, il fallo su Menez è veniale e non meritevole dell’ammonizione. Nel secondo tempo annulla giustamente due goal ai padroni di casa, nella prima occasione Pazzini controlla con un braccio, nella seconda Cerci è in posizione di off side.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti