Mindskin una selezione di poesie (1985-2010) di Antonella Zagaroli

Quasi trent’anni appartati di scrittura poetica. Ne parlano Stefano Giovanardi, Giorgio Patrizi, Plinio Perilli venerdì 11 novembre 2011
Enzo Luciani - 4 Novembre 2011

Venerdì 11 novembre 2011 alle ore 18.30 a Fandango Incontro in via dei Prefetti, 22 Roma sarà presentato Mindskin una selezione di poesie (1985-2010) di Antonella Zagaroli. Dei quasi trent’anni appartati di scrittura poetica. Ne parleranno Stefano Giovanardi, Giorgio Patrizi, Plinio Perilli. Foto in sala di Mariangela Rasi

Antonella Zagaroli è nata e vissuta a Roma. Autrice dal 1986 si è tenuta lontana da ogni mondanità letteraria, ha pubblicato varie raccolte poetiche La maschera della Gioconda, Terre d’anima, Serrata a ventaglio, prose poetiche La volpe blu, il lungo poema Venere Minima, testi teatrali Il re dei danzatori, Come filigrana scomposta- storia di un amore argentino-, oltre a saggi di psicologia fra cui Linguaggio poetico e comprensione di sé, e di sociologia, Quadernetto Dalìt.

È attiva nel volontariato dal 1994. L’Onlus da lei fondata è unica in Italia per l’utilizzo della “poesia terapia” pratica nella quale si è specializzata in USA.
Studiosa della letteratura anglosassone nella quale si è laureata nel 1978 ha condotto la sua ricerca artistica cercando il filo che collegasse temi e stili classici con le più ardite scoperte, ricerche e composizioni della contemporaneità. La sua è una poesia musicale che non ripete mai se stessa è poesia intima e d’amore, poesia volta al sociale, poesia-cinema, poesia-pittura, poesia-fotografia.

Infine una primizia di alcuni versi della poetessa:

“È l’ora rosa/rintoccano le foglie/sui dorsi dei cavalli/su pietre che evaporano/vita solitaria,/nella dimora a bocciolo/avanza il centro che accoglie/lascia inermi (……) in mezzo a parole senza pelle”.

“Con l’occhio al centro/mi siedo e attendo/terreni che intrecciano seme e radice/sulla soglia un fumo bianco penetra la fantasia/nella nebulosa parola/tocco i versi”. 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti