Mohamed Zerrad e Sveva Fascetti trionfano nella 27ᵃ Corri per la Befana

Alla gara del Parco degli Acquedotti del 6 gennaio 2019 hanno partecipato oltre duemila atleti
Aldo Zaino - 7 Gennaio 2019
Centocelle, l’evoluzione dell’imprenditoria locale

Grandissimo e soprattutto storico parterre di partenza alla Corri per la Befana 2019, con il pettorale n° 1988 è partito il campione Olimpico di Maratona a Seul 1988 il grande Gelindo Bordin, assieme a lui un altro grande dell’atletica del passato, Salvatore Bettiol, al via con il pettorale 1992, tutti e due, hanno scelto i pettorali, in ricordo delle loro migliori performance alle Olimpiadi 1988 e 1992. all’evento non poteva mancare, Franca Fiacconi, vincitrice della Maratona di New York e azzurra. Tutti e tre i Campioni sono rimasti fino alle premiazioni.

La storica Corsa della Befana – Trofeo NSL RADIO-TV che apre la stagione podistica della Capitale e della Regione è organizzata dall’A.S.D. Roma Road Runners Club, ha portato il lungo corteo di atleti dal punto di partenza in via Via Tuscolana, Via delle Capannelle, Via Appia Nuova, Viale Appio Claudio, Parco degli Acquedotti  ed arrivo in Via Lemonia. Un percorso di 10,00 km dei quali 8 su strada asfaltata e gli altri dentro il Parco, completamente controllato da Polizia Locale di Roma Capitale, Protezione Civile, scorte A.S.A.

Il primo tratto di due km con il passaggio rasente gli stabilimenti di Cinecittà interamente pianeggiante, poi per altri 3 km tratto sempre asfaltato ma ondulato,  invece con l’ingresso in via Appia Nuova poco più di 3 km di nuovo percorso piatto, poi i concorrenti sono entrati nel Parco e come gli organizzatori avevano annunciato il primo tratto dissestato, ha richiesto da parte dei concorrenti molta attenzione per evitare infortuni.

In linea di massima il percorso è rimasto invariato, una leggera modifica migliorativa, nel tratto finale, l’arrivo è rimasto sempre in via Lemonia ma gli atleti hanno raggiunto l’arco in senso contrario rispetto al passato, di conseguenza lo spostamento dei ristori a fine gara e in parte l’area gazebo.

Le premiazioni si sono svolte nell’area messa a disposizione del Parroco di San Policarpo don Pino (nella foto con Ludovico Nerli), presenti Gelindo Bordin,  Salvatore Bettiol, Franca Fiacconi, Fabio Martelli, Patrizio Marchionne, il Viceparroco della Parrocchia di S. Policarpo, e i rappresentanti dell’amministrazione del VII Municipio di Roma Capitale.  Speaker della manifestazione sportiva Ludovico Nerli Ballati (dettp “The Voice”) e Gianni Marchetti.

Ordine d’arrivo

Uomini: primo Mohamed Zerrad ATL Biotekna Marcon (00:31:53) seguito a poca distanza da Freedom Amaniel Foum Sport Center SSD SRL (00:32:00), terzo posto Luca Filipponi Purosangue Athletics Club (00:32:27)

Donne: sul gradino più alto Sveva Fascetti A.S.D. ACSI Italia Atletica (00:35:48) sul secondo Pamela Gabrielli A.S.D. Go Running (00:38:22) sul terzo la giovanissima Flavia Ferrari l’astro nascente del podismo (che si allena nel suo parco di Tor Tre Teste) nipote del campione Goffredo Martucci conosciuto nel mondo del podismo con il pseudonimo di “Lupo”. Flavia ha percorso i 10 km in (00:38:31)

Società:al primo posto per atleti più numerose LBM Sport Team 205, seguita Podistica Solidarietà con 172 concorrenti e G.S. Bancari Romani 136

Durante le premiazioni gli organizzatori della gara hanno donato a Romano Dessi un Trofeo in occasione dei 50 anni della sua carriera. Romano è un campione di Marcia.

Premiata anche la classe quinta A dell’Istituto Comprensivo di via del Calice dove studiava Stella Manzi  la bambina di 8 anni investita qualche anno fa da un automobilista ubriaco. All’epoca con il consenso dei genitori gli organi della piccola Stella salvarono 5 vite. Durante le premiazioni alla signora Giannina Calissano madre della piccola vittima è stato offerto una targa ricordo.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti