Monti Tiburtini e Quintiliani, due fermate da riqualificare al più presto

Sempre più urgente la realizzazione del parcheggio di scambio e di una bonifica delle due aree. Intanto a Pietralata cancellati tre parcheggi
di Giovanni Verardi - 26 Novembre 2012

Le due fermate della metro B Monti Tiburtini e Quintiliani necessitano quanto prima di un intervento di riqualificazione e riorganizzazione, nel primo caso soprattutto in relazione alla realizzazione del parcheggio di scambio e delle aree pedonali adiacenti, mentre nel secondo in relazione alla bonifica dell’area circostante la fermata e l’accessibilità pedonale dall’Ospedale Sandro Pertini. 

Quanto al parcheggio di scambio “Monti Tiburtini Ovest”, la sua realizzazione è stata prevista con ordinanza commissariale n. 2 del 12/10/2006. Il 29 aprile 2011 la giunta Alemanno lo ha inserito tra i 133 obiettivi da conseguire entro fine mandato, indicandone l’inaugurazione entro la fine del 2012. Con ordinanza del Sindaco n. 409 del 13 dicembre 2011 è stato approvato “il progetto esecutivo per 270 posti a raso e riqualificazione delle aree pedonali circostanti”, per un importo complessivo di 2.435.805, 63 euro e tramite un affidamento in house ad Atac Patrimonio Srl per la realizzazione dell’opera, con contestuale riduzione dei posti auto da 309 a 270. Sicuramente un‘ottima notizia per un’area che ha fortemente bisogno di un‘opera di tale genere, sia dal punto di vista della mobilità, che di una radicale riqualificazione della zona.

È proprio di pochi giorni fa, infatti, la denuncia di alcuni cittadini sul sito Pietralata.ilfatto.it della presenza di un accampamento abusivo e di una discarica a cielo aperto proprio dietro la stazione.
Il progetto del parcheggio di scambio, ove venisse realizzato, comporterebbe una riqualificazione completa dell’area, la creazione di spazi di aggregazione, commerciali e verdi al momento del tutto assenti (v. immagine a lato del progettista Arch. Andrea Stipa) e il decongestionamento di quel tratto di via dei Monti Tiburtini, quantomeno in relazione a chi utilizza l’intermobilità parcheggiando l’auto nella prossimità della stazione. Sembra ad ogni modo che le istituzioni stiano dimostrando negli ultimi tempi una maggiore attenzione per la stazione, alla luce della recente ripavimentazione dell’atrio e della decorazione dei muri esterni della struttura affidata ad abili writers.

L’unica, grande, perplessità riguarda però il rispetto dei tempi previsti per la realizzazione del parcheggio: appare assai difficile (se non impossibile) che l’opera possa essere cantierizzata e inaugurata come promesso entro la fine del 2012. Sempre in argomento, inoltre, bisogna registrare la decisione del Comune di qualche settimana fa (ordinanza del 29 ottobre 2012) di cancellare tre importanti parcheggi a Pietralata, precisamente in via Ramiro Fabiani, via delle Messi d’Oro e via di Pietralata 237, nell’ambito del ridimensionamento del Piano urbano parcheggi.

Quintiliani, invece, stazione della metro B inaugurata nel 2003 nell’ottica di servire il futuro Sdo di Pietralata, è al momento una stazione sottoutilizzata, inserita in un contesto assai degradato e mal collegata con i servizi circostanti, soprattutto con l’Ospedale Pertini. La struttura sanitaria, infatti, dista appena 220 metri dalla stazione metro, ma la strada non è percorribile a piedi in sicurezza a causa del forte abbandono in cui versa e della scarsa illuminazione: occorre quindi prendere il bus 440, seppur per poche fermate. È necessario quindi mettere in sicurezza tale camminamento sin da subito, senza peraltro dover attendere i lunghi tempi di riqualificazione dell’area legati al progetto Sdo. A ciò va infine aggiunto che nell’area insistono da tempo alcuni insediamenti abusivi, oltretutto dati in crescita negli ultimi giorni, che contribuiscono ad accrescere la già diffusa e generalizzata insicurezza della stazione.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti