Municipio Roma I Centro: bocciata la delibera di bilancio comunale

Nella seduta di questa mattina 29 novembre 2018, con sedici voti contro tre
Redazione - 29 Novembre 2018

Sabrina Alfonsi

Nella seduta di questa mattina 29 novembre 2018, il Consiglio del Municipio Roma I Centro ha espresso parere contrario – con sedici voti contro tre – al Bilancio di Previsione finanziario 2019/2021 e al Piano Triennale delle Opere pubbliche. Una bocciatura motivata essenzialmente dalle consistenti riduzioni del budget finanziario disponibile per il funzionamento dei servizi.

“A dispetto delle parole della Sindaca, che aveva preannunciato una manovra corrente a vocazione sociale con una implementazione delle risorse per i servizi alla persona, alla famiglia e ai soggetti più disagiati, oltre che per la manutenzione delle strade, del verde e delle scuole, il bilancio del Primo Municipio presenta minori disponibilità di fondi per la spesa corrente di quasi due milioni rispetto all’assestato di quest’anno” dichiara la Presidente Sabrina Alfonsi a margine della seduta del Consiglio.

“Tra gli aspetti di maggiore criticità” aggiunge Emiliano Monteverde, Assessore alle politiche Sociali del Municipio “denunciamo pesantissimi tagli di 700 mila euro per i servizi di assistenza diretta ed indiretta delle persone con disabilità e 44 mila euro per i minori, oltre a circa 560 mila euro per i servizi educativi e scolastici. Una situazione che mette seriamente a rischio la continuità dei servizi, e che deve essere assolutamente corretta”.

“Ovviamente anche le nostre richieste di maggiori risorse non sono state accolte” commenta l’Assessore alle Scuole e al Bilancio, Giovanni Figà Talamanca. “Per la manutenzione delle strade e la segnaletica avevamo chiesto 1,7 miIioni in più, e invece sono state confermato le risorse del 2018, pari a 2,5 milioni. Lo stesso per la manutenzione delle scuole elementari e medie: a fronte di una richiesta di 250 mila euro in più, ci hanno assegnato 137 mila euro per tutto il 2019, 7 mila euro in più rispetto allo scorso anno, grazie ai quali arriviamo alla cifra ridicola di 3 mila euro a edificio con un patrimonio scolastico costituito in prevalenza da edifici storici. E così pure per la manutenzione dei mercati”.

“Va un po’ meglio sul fronte del piano investimenti, dove le nostre richieste di finanziamento per il 2019 – pari a 4,4  milioni di euro sono state accolte, ma anche in questo caso non è chiaro quando le risorse saranno effettivamente disponibili” conclude la Presidente Alfonsi. “SI parla di “mutui” che il Campidoglio dovrebbe contrarre, ma per procedere con gli appalti gli Uffici hanno bisogno di tempi certi. E poi, ancora una volta, siamo di fronte ad una proposta di bilancio per i Municipi con il “respiro corto”. La programmazione non è “triennale” ma si limita al solo 2019, mentre noi avevamo inserito anche opere per gli anni successivi, per le quali non abbiamo alcuna certezza”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti