Nanni (Lista Calenda): La norma “Salva-Calcio” favorisce grandi club a discapito delle società dilettantistiche

Comunicato stampa - 11 Gennaio 2023

“La norma ‘Salva-Calcio’ deve essere rivista, è inammissibile che si aiutino società milionarie, a discapito dei contribuenti.”

Così in una nota Dario Nanni, Consigliere comunale della Lista Civica Calenda Sindaco e Vice Presidente della Commissione Sport.

“Nel periodo di Natale, in pieno clima di festa e di regali, è passata nella manovra di Bilancio, la norma che permette ai Club di serie A di pagare i versamenti sospesi in 5 anni, in comode 60 rate e una risibile maggiorazione del 3%. Un mancato introito di ben 500 milioni di euro, che saranno recuperati, sempre se nel frattempo non accada altro, nella loro totalità solo nel 2027. Fondi che dovrebbero essere incassati subito, e che potrebbero essere utilizzati per altri scopi, ad esempio per sostenere le società sportive dilettantistiche, che più hanno sofferto durante la pandemia e che ancora oggi sono in grave difficoltà per  il caro bollette. Ricordo che le ASD svolgono un ruolo di fondamentale importanza, soprattutto in territori difficili come le periferie, dove simili luoghi di aggregazione sociale costituiscono un argine significativo al disagio giovanile e alla criminalità. A fronte di questo il governo ha preferito favorire le grandi società di calcio che anche per gestioni allegre hanno prodotto enormi passivi. Ricordo che i grandi club già hanno grandi finanziamenti da sponsor nazionali e internazionali, incassi da abbonamenti e biglietti e cospicue entrate dai diritti televisivi.”

“Domani presenterò una mozione – conclude il consigliere Nanni – in cui chiedo che la capitale d’Italia si faccia promotrice nel richiedere al Parlamento di rivedere questa scelta profondamente ingiusta, che aiuta le società di calcio con soldi pubblici che dovrebbero essere utilizzati per interventi d’interesse pubblico”

Pubblicità elettorale Regionali 2023

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti