Nuova ordinanza contro abusivismo commerciale

Pica: "esercenti non sono criminali. Oggi valutiamo possibile ricorso al Tar"
Enzo Luciani - 29 Novembre 2012

Una nuova ordinanza comunale a Roma in applicazione di una legge nazionale stabilisce che «in caso di indebita occupazione di suolo pubblico, il sindaco può ordinare l’immediato ripristino dello stato dei luoghi e la chiusura dell’esercizio per un periodo non inferiore a 5 giorni».

Contro l’ordinanza si scaglia il Segretario dell’Associazione Esercenti Bar e Gelaterie di Roma e Provincia, Claudio Pica. “L’Associazione – dichiara Claudio Pica –  sottolinea che non c’erano motivi urgenti per emettere una nuova Ordinanza tanto più che come associazione da gennaio scorso aspettavamo che il Comune, come peraltro richiesto da tutte le associazioni di categoria, prevedesse un intervento migliorativo sul regolamento dell’occupazione di suolo pubblico e in particolar modo sul problema dell’abusivismo. Questa nuova Ordinanza, peraltro non ha recepito alcuni nostri suggerimenti migliorativi che provenivano anche dalla Presidenza della Commissione Commercio.   Abbiamo convocato il nostro Consiglio Direttivo – sottolinea Claudio Pica – per valutare congiuntamente alle altre Associazioni di categoria e insieme al nostro studio legale, la possibilità di un’eventuale ricorso al Tar.   Capisco che il Sindaco Alemanno abbia avuto necessità di “fare qualcosa” di eclatante sotto le varie pressioni (Sovrintendenza, Presidente di Municipio) – conclude Claudio Pica – ma non si possono trattare gli esercenti come dei “criminali”. Chi commette un abuso per poter lavorare di più, non può soccombere ad una logica che prevede addirittura la chiusura, senza pensare che gli esercenti di Roma, soprattutto quelli del Centro Storico, sono il motore della nostra economia cittadina. Un minimo di errore, tante volte, equivale ad un posto di lavoro in più. Questo, il Sindaco Alemanno, gli Assessori alle Attività produttive e quello alle politiche culturali e del Centro Storico, lo dovrebbero capire. Invece di darci una mano a creare ricchezza, si continua solamente con una logica repressiva.”

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti