Nuovo ponte in via Portuense

Dopo Ferragosto cantieri al lavoro per la realizzazione della nuova opera. Dal 18 al 21 agosto, 3 giorni di blocco totale del traffico
A.M. - 14 Agosto 2008

Nel quartiere Portuense, 3 giorni di blocco totale del traffico (dal 18 al 21 agosto) consentiranno a Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS) la demolizione del ponte ferroviario di via Portuense, costruito negli anni ‘30, e la costruzione di una nuova opera che avrà un’altezza di 4,60 metri. A conclusione degli interventi, la carreggiata stradale sarà ampliata fino a 14 metri e la strada diventerà a 4 corsie, due per ogni senso di marcia. L’investimento complessivo per il nuovo ponte è di circa 5,5 milioni di euro(2,8 finanziati dal Comune di Roma e 2,7 da RFI).

Nella notte fra lunedì 18 e martedì 19 agosto i lavori per l’ampliamento del ponte ferroviario di via Portuense giungeranno alla fase cruciale.

Con i cantieri operativi, scatterà dalle 6 di lunedì 18 alla stessa ora di giovedì 21 agosto, il divieto di transito alle auto sia nel tratto compreso fra via Giacomo Folchi e via Majorana (interessato dai lavori al ponte) sia nel tratto di via Portuense, fra via Belluzzo e via Majorana. Tra via Giacomo Folchi e via Giuseppe Belluzzo, invece, sarà consentito il transito al solo traffico locale.

“Si è deciso di chiudere al traffico il tratto di via Portuense – dichiara Gianni Paris, Presidente del XV Municipio – proprio nei giorni in cui la città si svuota e le ripercussioni per i cittadini sono
decisamente limitate. Si è riusciti, inoltre, a limitare la chiusura ad appena 3 giorni a fronte di un un cantiere importante, che si protrarrà per oltre 700 giorni e permetterà di realizzare un’opera decisiva per il quadrante Sud-Ovest e per l’intera città. Sono anni che gli abitanti aspettavano questi lavori e il Municipio ha lavorato più di otto anni per concludere l’accordo con le Ferrovie e avviare finalmente i lavori nella primavera scorsa che consentiranno di raddoppiare il ponte e quindi il tratto sottostante della Via Portuense. In questi giorni verrà buttato giù il vecchio ponte che causava il restringimento della strada e file interminabili alle auto e si procederà con il rafforzamento del
nuovo impalcato e i lavori che porteranno alla nuova opera. A lavori ultimati – conclude Paris – il nuovo ponte consentirà il transito, in entrambe le direzioni, finalmente anche ai mezzi pubblici il cui passaggio era finora vietato per le ridotte dimensioni della carreggiata e le auto potranno scorrere più velocemente. Il Municipio si attiverà poi per avviare al più presto anche i lavori di ampliamento a quattro corsie dell’intero tratto della via Portuense fino a piazzale della
Radio”.

Rassicurazioni arrivano anche da Gian Luigi De Carlo, Direttore Compartimentale Movimento Roma di Rete Ferroviaria Italiana: “i lavori lproseguono secondo il programma. Abbiamo scelto di sospendere la circolazione ferroviaria per ridurre al minimo i disagi ai nostri viaggiatori. Ad opera ultimata restituiremo al Comune di Roma un rinnovato asse di scorrimento che migliorerà il traffico veicolare con sensibili benefici sia per il quartiere sia per tutta la città”.

La circolazione ferroviaria sarà, infatti, sospesa dalle 21.20 di lunedì 18 alle 7.20 di martedì 19 agosto fra sulle linee Roma – Fiumicino Aeroporto (FR1), Roma – Civitavecchia (FR) e per il collegamento diretto da Roma Termini all’Aeroporto internazionale di Fiumicino.

Per garantire i collegamento Trenitalia (Gruppo FS) istituirà servizi sostitutivi con autobus che arriveranno e partiranno dai piazzali antistanti le stazioni. I tempi e gli orari di viaggio dei pullman
potranno variare in relazione al traffico stradale.

Informazioni sui servizi sostitutivi ferroviari nelle stazioni, nelle biglietterie e negli uffici informazioni e assistenza clienti, sul sito web www.ferroviedellostato.it (sezioni “Notizie” e “Lavori in corso”).


Commenti

  Commenti: 1


  1. finalmente si è capito che roma è tutta su un livello di strade antiche romane e che un pezzetto in più o in meno di antichità non cambia la vita a pochi ma a molti sì.

Commenti