Nuovo progetto per il parcheggio Cornelia

Vannini (Pdl): un vero e proprio snodo strategico sia di superficie che sotterraneo
di Patrizia Miracco - 4 Novembre 2012

Nel XVIII Municipio sono previsti 450 posti auto con il nuovo progetto del parcheggio Cornelia. Il progetto è stato presentato alla stampa il 30 ottobre 2012 , nellasala delle Bandiere, in Campidoglio, da Alessandro Vannini, consigliere al comune di Roma, delegato al Piano Urbano Parcheggi di Roma Capitale.

La struttura, nata più di 11 anni fa con l’ambizione di diventare il parcheggio più automatizzato d’Europa, 7 piani per 650 posti auto, in tutti questi anni non è mai entrata in funzione. Ora il Pup (Piano urbano parcheggi) ha dato il via ad una nuova soluzione per rendere la struttura funzionante, rimuovere la parte meccanizzata e realizzare un parcheggio tradizionale, costituito da più livelli interrati in modo da sfruttare al meglio il volume esistente.

Il parcheggio meccanizzato sarà servito da una coppia di rampe elicoidali, una di uscita ed una di entrata, entrambe da realizzare. Per quanto riguarda l’entrata questa sarà possibile da entrambi i lati della viabilità della Circonvallazione mentre l’uscita avverrà utilizzando l’attuale rampa, con una variante alla viabilità in modo di avere una corsia apposita di immissione.

Una parte della stessa verrà probabilmente destinata alla realizzazione di un ulteriore piano intermedio, dotato di nuove rampe circolari e di un innovativo sistema di ventilazione naturale capace di servire tutto il parcheggio e di porre la struttura nel pieno rispetto della vigente normativa antincendio.

Il parcheggio si trova in un punto importante per la viabilità, vicino alla fermata metro A e al capolinea Atac e C.O.T.R.A.L. Dei 450 posti auto da realizzare, una parte sarà pertinenziale e un’altra parte dedicata alla sosta a rotazione, in modo da offrire una soluzione per il traffico e la carenza di posti nell’intera zona Aurelia-Boccea.

L’on. Alessandro Vannini considera la realizzazione del nuovo parcheggio Cornelia come “un vero e proprio snodo strategico sia superficiale che sotterraneo”. Una risposta importante all’elevata densità di traffico della zona, dove le macchine spesso sono lasciate in doppia fila creando ulteriori intasamenti.

Da un punto di vista finanziario è stato spiegato che l’attuazione del parcheggio e la realizzazione delle strutture stesse non avranno alcun peso sulle casse dell’Amministrazione poiché saranno totalmente a carico di privati. Si prevede inoltre di poter sistemare tutta la struttura senza dover chiedere deroghe di alcun rilievo. 

Durante la stessa conferenza è stato firmato il Protocollo d’Intesa fra Roma Capitale, Associazione Romana Parcheggi e Credito Cooperativo di Roma. Una speciale convenzione che non prevede costi per l’Amministrazione e permette di offrire tassi agevolati agli acquirenti dei parcheggi. 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti