Occupazioni abusive in via Salaria 555 – Via Pietro Mascagni – Villa Ada

La denuncia del consigliere Massimo Inches del II Municipio
Enzo Luciani - 8 Ottobre 2011

Il consigliere municipale Massimo Inches, de La Destra del II municipio, in un comunicato informa sui risultati di un suo  un sopralluogo in via Salaria 555, per controllare uno strano movimento di cittadini stranieri, segnalato da cittadini, intorno ad una casa con un pezzo di terreno, di proprietà comunale in stato di abbandono,  già segnalata da Striscia la Notizia, perché utilizzata dalle prostitute per appartarsi con i loro clienti.

"All’interno – informa il Consigliere – sono stati creati dei divisori con dei teli di stracci, formando delle camerette e dalle brande e materassi presenti si deduce che vi abitino circa una ventina di persone; uno spazio è riservato alla cucina, con macchina e bombola del gas ed all’esterno vi è un tavolo; tutta l’area è circondata da calcinacci, immondizia, avanzi di cibo ed oggetti vari, causando un grave degrado e fonte d’insalubrità, in questo posto che dovrebbe essere un’area verde.
Il manufatto ricade nel territorio del secondo municipio a pochi metri dal confine col quarto municipio ed è di proprietà del Comune di Roma – III Dipartimento ed il terreno è sull’area golenale del fiume Aniene, quindi demaniale. 
La presenza di queste persone è motivo d’insicurezza tra i residenti della zona; una delle stanze della casa occupata ha le pareti completamente ricoperte da manifesti pornografici, facendo insorgere preoccupazione sui rischi per l’incolumità di chi dovesse fermarsi con l’auto sul margine della via Salaria, dopo il tramonto del sole.

Anche in via Pietro Mascagni, tra la vegetazione soprastante la circonvallazione Salaria, sono sorti capanni e tende, di cui uno ha al suo interno una televisione ed un lettore CD ed un generatore di corrente, mettendo in ansia i residenti, preoccupati anche per il degrado e l’immondizia che sta contaminando quello che dovrebbe essere un polmone verde del quartiere Trieste.

Dal controllo effettuato, dentro Villa Ada lato via Panama, sono apparse due tende celate fra gli alberi, con tanto di panni stesi, doccia improvvisata all’aperto con un tanica e la solita immancabile immondizia sparsa ovunque."

"Ho segnalato queste gravi situazioni – conclude Inches – alle forze dell’ordine ed al gabinetto del sindaco, chiedendo l’allontanamento degli occupanti abusivi, sgomberando e bonificando l’area interessata, oltre a far mettere in sicurezza il manufatto comunale, oramai in stato di assoluto abbandono.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti