“One Billion Rising”, il flash mob contro la violenza sulle donne

Il 14 febbraio 2013 a Roma e in tutto il mondo un miliardo di donne hanno danzato sulle note della canzone "Break the Chain"
di M.G. T. - 15 Febbraio 2013

Giovedì 14 febbaio 2013, nel giorno di San Valentino, migliaia di donne provenienti da tutto il mondo si sono date appuntamento a Piazza di Spagna per danzare contro la violenza sulle donne. Il flash mob romano si unisce ai diversi eventi che si sono svolti in tutto il mondo con la collaborazione dell’associazione "Hands off Women" che ha dato vita all’iniziativa One Billion Rising (Un miliardo insorge) , "per dire no alla violenza sulle donne".

Le partecipanti al flash mob, che hanno deciso di indossare un guanto bianco sporco di sangue, un indumento rosso e la bandiera dell’Italia, si sono lanciate in una danza liberatoria sulle note della canzone "Break the chain", l’inno ufficiale di One Billion Rising, al grido di "Basta violenza sulle donne! Donne, donne, donne! L’Italia danza contro la violenza! Viva le donne e gli uomini che le sanno trattare bene".

La scelta dell’associazione di lanciare questo flash mob il giorno degli innnamorati non è certo casuale, purtroppo proprio l’eccessivo amore si trasforma in possesso e porta a compiere gesti di violenza che finiscono con lo sfociare in omicidi. Si stima, infatti, che almeno una donna è o sarà vittima di violenza, questo significa che su una popolazione di circa 7 miliardi di persone, 1 miliardo di donne hanno subito maltrattamenti.

Presenti all’evento anche molte donne dello spettacolo come l’attrice Nancy Brilli, l’ex Miss Italia Cristina Chiabotto, e l’organizzatrice del concorso di bellezza, Patrizia Mirigliani.

«Abbiamo aderito al flash mob mondiale – ha spiegato Isabella Rauti, presidente dell’associazione – che vuole portare, nel giorno di San Valentino, un miliardo di persone, uomini e donne, a ballare contro tutte le forme di violenza sulle donne. L’idea è quella di richiamare attraverso la danza, un linguaggio anche di liberazione del corpo, l’attenzione di tutto il mondo: far ballare un miliardo di persone perchè un miliardo di donne ogni anno subisce violenza».

Anche il sindaco Gianni Alemanno ha commentato l’iniziativa: «Una manifestazione bella e importante che ha visto tantissime persone a Roma come in tutto il mondo, proprio nel giorno di San Valentino, ballare ed esprimere con gioia la condanna a ogni forma di violenza sulle donne. Roma è da sempre in prima linea nella difesa del mondo femminile da ogni tipo di sopruso. Ricordo, fra le tante iniziative, il Premio Roma per la Pace alla giovanissima Malala che ha rischiato la vita nella sua lotta per il diritto allo studio delle donne pakistane. Non dobbiamo dimenticare comunque – conclude il Sindaco – che la piaga della violenza sulle donne è un problema che esiste in tutte le culture e ad ogni livello sociale e, per questo, iniziative popolari come questa sono molto importanti per cambiare una mentalità sbagliata».


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti