Ostia, Cavallari (IV): “No a maxi Isola pedonale”

Redazione - 29 Maggio 2020

“Virginia Raggi e la presidente del X Municipio, Di Pillo, mollino la presa sul progetto scellerato dalla maxi isola pedonale sul lungomare di Ostia. Il sindaco e la presidente annunciano oltre quattro chilometri di lungomare per metà riservato a biciclette, monopattini e pedoni: una gigante isola pedonale dal porto turistico di Roma alla rotonda sulla Colombo.” Così, in una nota, il consigliere regionale del Lazio, Enrico Cavallari (Italia Viva).

“Si tratta  – prosegue Cavallari – di una vera e propria follia, che manderebbe il traffico in tilt, con gravissime ripercussioni anche sui parcheggi: la corsia confinante con gli stabilimenti balneari sarebbe infatti dedicata a pedoni e ciclisti e l’altra, a doppio scorrimento, senza possibilità di parcheggio.
Una paralisi della circolazione già scritta, un piano davvero diabolico in una fase delicata e di rilancio del nostro Paese messo in ginocchio dal Covid-19”.

“Un provvedimento tanto scellerato, peraltro, stroncherebbe ogni ogni forma di ripresa del commercio locale, spostando all’interno di Ostia la sosta pazza dei veicoli e pregiudicando l’arrivo dei cittadini, dirottati a passeggiare sul pontile piuttosto che in piazza Anco Marzio, ad oggi unica isola pedonale di Ostia.
E il colpo al cuore del commercio del centro storico ostiense verrebbe poi assestato dalla paventata autorizzazione di street food all’amatriciana, bancarelle varie e suk comunali” aggiunge Cavallari.

Fresco Market
Fresco Market

“Piuttosto che pensare a stavolgimenti della viabilità fuori da ogni logica, la Raggi dia il via alla stagione balneare come si deve: ieri sera, alle 23, ha emesso l’ordinanza che ne stabilisce l’avvio ma sugli arenili di Ostia mancano ancora le paline per indicare l’area di distanziamento tra i bagnanti, non ci sono le passerelle per arrivare agli arenili né i bagnini sulle spiagge. Ostia non merita questo scempio, un naufragio annunciato in partenza di stagione” conclude Cavallari.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti