Ostiense, la culla dell’arte contemporanea

Il VIII municipio presenta la nuova opera delllo street art artist newyorchese Gaia
La Redazione - 7 Novembre 2013

Il quartiere Ostiense si candida a diventare la culla dell’arte di strada. Questa volta a prendere vita, all’altezza del civico 335, l’opera murale dell’artista newyorchese Gaia che prende il nome di “Il piccone demolitore e risanatore”. Ispirata ai lavori di Giorgio De Chirico, il murales analizza il rapporto tra identità e funzione nel processo di costruzione della città.

GAIA_2La street art performance di Gaia si inserisce nel progetto del VIII municipio che, da diverso tempo, mette a disposizione di artisti e associazioni spazi pubblici in disuso o degradati, allo scopo di riqualificarli trasformandoli in gallerie d’arte a cielo aperto. “Continua a crescere l’ambizione del quartiere Ostiense di diventare lo Street Art Discrit della Capitale – afferma Claudio Marotta, assessore alla Cultura del VIII – Una risorsa artistica e culturale per l’intera città.”

Non è la prima volta che l’artista statunitense presta la sua arte per abbellire i muri della Capitale, aveva già operato nel sottopasso vicino la Stazione Ostiense, un regalo molto gradito dall’amministrazione municipale. Gaia, infatti, è solito lavorare soprattutto a Brooklyn e Baltimora, dove ha studiato al Maryland Institute College of Art, ed ha curato progetti in tema e organizzato mostre da Los Angeles al Connecticut, citato in varie opere e apprezzato nei più diversi contesti internazionali.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti