Paese che vai, Italiano che trovi

Nel libro di Alessandro Masi, Valeria Noli e Giammarco Cardillo una panoramica sulla presenza dell’Italia e della sua lingua in 21 Paesi del mondo
Enzo Luciani - 22 Maggio 2012

Sarà presentato mercoledì 30 maggio alle ore 18 a Roma (Via IV novembre 149) presso la sede della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea il volume Paese che vai, italiano che trovi (EdiLet-Edilazio Letteraria 2012), di Alessandro Masi, Valeria Noli e Giammarco Cardillo, una panoramica sulla presenza dell’Italia e dell’italiano in 21 Paesi del mondo

Nel mondo, l’Italia è un marchio che piace perché richiama le idee di qualità, eleganza, creatività. Questa immagine è legata strettamente al lavoro di numerose aziende italiane che nei rispettivi settori conquistano e mantengono ogni anno quote di mercato importanti in tutto il mondo, non tanto (o non solo) nei settori che in Italia hanno grande visibilità, come la moda o l’enogastronomia. Ma l’immagine del nostro Paese ha un alleato importante: la nostra lingua. L’italiano, e la cultura che con l’italiano si diffonde per il mondo, costituiscono un surplus fondamentale per le attività economiche, sia perché la passione per la lingua di Dante è tra i fattori che alimentano l’interesse per tutto ciò che è made in Italy, sia perché è fondamentale che nei Paesi con cui l’Italia ha stretti rapporti economici ci siano interlocutori locali in grado di parlare e di capirsi con le nostre aziende.

Da questa idea prende le mosse Paese che vai, italiano che trovi (EdiLet-Edilazio Letteraria), un’analisi puntuale della situazione italiana in 21 Paesi del mondo, dall’Argentina alla Turchia, dall’Egitto alla Cina, dagli Stati Uniti alla Germania, curata da Giammarco Cardillo, Alessandro Masi e Valeria Noli. Economia, cultura, lingua, turismo sono gli aspetti attraverso i quali gli autori hanno ricostruito una vera e propria mappa dell’Italia all’estero, con un’attenzione particolare a tutti i luoghi in cui è possibile studiare la lingua italiana.

Il volume verrà presentato mercoledì 30 maggio 2012 alle ore 18 a Roma nei locali di Spazio_Europa, gestito dall’Ufficio d’informazione per l’Italia del Parlamento Europeo e dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea (via IV Novembre, 149). All’incontro, insieme agli autori – Alessandro Masi, Segretario Generale della Società Dante Alighieri, Valeria Noli, esperta di comunicazione e marketing, e Giammarco Cardillo, studioso di linguistica e glottodidattica, interverrà Massimo Arcangeli, Professore ordinario di Linguistica italiana presso l’Università di Cagliari e Responsabile Scientifico del Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri.

Informazioni
Società Dante Alighieri – Pierpaolo Conti, cell. 3346755306, p.conti@ladante.it
EdiLet-Edilazio Letteraria – Mariarita Pocino, cell. 3384680774, info@edilet.it 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti