Parco Madre Teresa di Calcutta, in uno stato scandaloso

In un'area verde dedicata a una santa, opera uno squallido lupanare a cielo aperto
Alessandro Moriconi - 13 Settembre 2020

Quello di sabato 12 settembre 2020 voleva essere la conclusione di un tour dedicato alla riaperture delle scuole previste per lunedì 14.  Dei brevi report scaturiti da segnalazioni interne al mondo dell’istruzione.

Avevano iniziato, il 10 settembre, con il raccontare e documentare la stupenda iniziativa di manutenzione e pulizie portata avanti da docenti, genitori e ragazzi presso la scuola di via Francesco Ferraironi, nel quartiere Villa De Sanctis, intitolata a Simonetta Salacone.

Poi una segnazione circa lo sbarramento dell’entrata al plesso scolastico di via del Pergolato, dell’Istituto Comprensivo Olcese, ci ha portato a documentare una vecchia questione tra proprietari frontisti e la Scuola che rischia, con lo sbarramento dell’ingresso, di far saltare il 1° giorno dell’anno scolastico 2020/2021. Ovviamente facciamo il tifo perché si possa trovare un accordo e che l’anno scolastico non parta con ulteriori traumi.

Dar Ciriola asporto

La terza tappa del tour l’avevamo pensata per una verifica di via dei Sesami che, oltre ad essere percorsa dagli utenti del Nido è anche l’accesso secondario e carrabile per chi insegna e frequenta l’Istituto comprensivo Sesami.

Lo scandaloso stato del parco Madre Teresa

Ai nostri occhi spazi verdi di un degrado unico, fatto di erba secca resti di rami caduti e gli immancabili calcinacci. Ma sono i pochi metri di via dei Sesami a colpirci come pochi luoghi a Roma sanno fare… un tappeto di profilattici e relative custodie proprio sotto lo sguardo non attento di una telecamera (ma sarà in funzione?!).

A quel punto non potevamo venir via, non foss’altro per quanto ci aveva annunciato l’assessore all’Ambiente, aree verdi e Parchi del Comune di Roma Laura Fiorini (nel corso della sua visita in piazza San Felice) la quale aveva parlato di un enorme sforzo portato avanti dall’Amministrazione per ridare splendore e decoro ad uno piccolo Parco pubblico intitolao nientemeno che ad una Santa, Madre Teresa di Calcutta.

Altro che un luogo per Beati! Varcando il cancello su via dei Sesami si entra direttamente in un lupanare di antica memoria con profilattici ovunque, immondizia  – tra cui i resti di allegri picnic –, resti di grossi rami, una fontanella ostruita che ha praticamente allagato mezzo parco, panchine rotte, recinzioni intorno all’anfiteatro divelte, la recinzione del distributore sulla Togliatti quasi inesistente e che favorisce l’accesso ai consumatori dei sesso a pagamento… Eppure ricordavamo un parco tirato a lucido appena tre mesi fa dai volontari della Libera Assemblea di Centocelle.

Ma da Comune e Municipio solo spot

Quello che abbiamo visto il 12 settembre è un segno inequivocabile dello stato di abbandono da parte dei servizi preposti.

Ogni giorno sui network è possibile leggere spot promossi da Sindaca, Assessori, Presidenti di Commissione che parlano di manutenzione del verde sia stradale che nelle aree verdi, parchi compresi… Spot purtroppo orfani del V municipio, quasi non esistesse! Altro che gli enormi sforzi annunciati dall’assessore Fiorini.

I residenti del Municipio Roma V sono stanchi di essere presi per in giro! E questo arrivi forte e chiaro sia al Presidente che alla sindaca Raggi.

La colorita diretta Video è pubblicata anche sulla nostra pagina Facebook Abitare a Roma Notizie

Oggi un Tour nel Municipio Roma V prima presso Istituto Comprensivo Olcese con i plessi del via Pergolato e poi al entrata posteriore dell’Istituto comorensivo Sesami e chiusura in bellezza al Parco Madre Teresa di Calcutta e relativa Lupanare. #VirginiaRaggi #LauraFiorni #DanieleDiaco #dariopulcini #cosimopuliti #pietrorossi #mauralostia #christianbelluzzo #emilianocorsi #fabiopiattoni #laurabogliolo #natteoscarlino #100cellenotizie #amiciparcomadreteresacalcutta #retakecentocelle #LSAliberaAssembleaCentocelle #gabrielelombardozzi #sandroalquati

Pubblicato da AbitareA Roma Notizie su Sabato 12 settembre 2020


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti