Parte CineRisorgimento, da Manara a Mameli passando per Ciceruacchio

Il Risorgimento della gente comune spiegato agli studenti romani attraverso il linguaggio del cinema
Enzo Luciani - 28 Settembre 2011

La storia della Capitale raccontata alla Capitale. CineRisorgimento, un laboratorio didattico per riuscire a spiegare il Risorgimento agli allievi delle scuole romane passando per l’Italia del popolo, quella delle figure minori che dettero un contributo notevole al raggiungimento dell’Unità.

Oggi, 28 settembre 2011, presso la suggestiva sala di Santa Rita a due passi da Piazza Campitelli, la presentazione del progetto.

Un iniziativa, realizzata con il sostegno di Roma Capitale – Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico, che si articola in un percorso fatto di immagini e rappresentazioni artistiche comprendente un iter espositivo, la proiezione di un audiovisivo e uno spettacolo teatrale negli istituti di due Municipi rappresentativi della città, il XV e il XIX. Oltre ad una rassegna cinematografica itinerante che si snoda attraverso le pellicole di Luigi Magni Nell anno del Signore , In nome
del Papa Re , In nome del popolo sovrano .

Si tratta di una proposta che cerca di lanciare un messaggio diverso sulla nostra Patria , ha spiegato il Consigliere capitolino, Federico Rocca. Una ricerca storica in chiave tecnologica con il coinvolgimento delle scuole che permette di vedere rappresentata la storia dell epoca. Un messaggio a bassa soglia che va sul territorio e che si sposa con la linea di promozione culturale dell amministrazione impegnata ad approfondire la storia della nostra città .

Il Risorgimento ha aggiunto Raffaele De Lio, del Dipartimento Cultura di Roma Capitale – è materia viva che deve essere riportata a chi vuole consolidare il proprio patrimonio culturale senza bisogno di essere cattedratici. Per quest iniziativa abbiamo scelto due Municipi che rappresentano uno spaccato singolare, dal centro alla periferia, in una messa in scena realistica anche se tecnologica in grado di suscitare negli studenti romani un sentimento di condivisione, dell essere parte con
piacere di una storia emozionante .

"Un tentativo – ha concluso Paolo Zanetov del Comitato Organizzatore – di portare il Risorgimento ai giovani mediante altri protagonisti minori che hanno sentito forte il richiamo al bisogno di unificazione fino a sacrificare la propria vita, compresi romani de Roma come Ciceruacchio, passando per differenti passaggi proposti."


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti