Partite le grandi manovre per il ruolo da Minisindaco

Inspiegabilmente fermo presso la Commissione Lavori Pubblici il progetto per l'allargamento di Via Collatina
di A. M. - 5 Dicembre 2012

Tra pochi mesi si andrà al rinnovo del Consiglio municipale e all’elezione di un nuovo presidente e sebbene non ci sia ancora una certezza assoluta, il VI e VII municipio tuttavia con ogni probabilità saranno accorpati e avranno un unico presidente. Ciò comporta naturalmente un dimezzamento dei consiglieri e degli assessori. E quindi impazza il totopresidente e l’attività politica è sempre più concentrata sulla scelta del futuro candidato alla presidenza municipale nel 2013, anche se permangono margini di incertezza e ad oggi il Consiglio non è stato ancora sciolto.

Intanto circolano voci su candidati presidenti del centrosinistra (Mauro Ferrari, Fabrizio Flamini,  Rosi Alessandro) ma sulla loro attendibilità nessuno può giurare.

Non vogliamo raccontare per l’ennesima volta il pressapochismo della maggioranza Comunale che è arrivata ad approvare l’esercizio finanziario 2012 con oltre dieci mesi di ritardo, provocando danni a fornitori e imprese, nonché ritardi alla realizzazione di progetti e interventi manutentivi ad edifici scolastici, strade comprese e del successivo assestamento di bilancio approvato nella settimana delle Primarie del Centrosinistra.

Vogliamo raccontare di un Consiglio municipale, quello di Roma VII che in oltre otto mesi non è riuscito a portare in aula il progetto definitivo per l’allargamento della via Collatina per tratto che va da via E. Longoni a via della Stazione di Tor Sapienza. Un progetto finanziato nel piano investimenti del 2005 e riguardante l’opera pubblica n. 1386/05 per un importo di 525.000,00 IVA compresa.

Il nuovo passaggio in aula del provvedimento è necessario in virtù dei regolamenti vigenti che impongono, in caso di modifiche al progetto, una nuova espressione da parte della Giunta (cosa avvenuta fin dal 9 marzo 2012 con un voto espresso all’unanimità) e un nuovo passaggio in aula consiliare per l’approvazione definitiva.

Ma ciò non è avvenuto in quanto la delibera giace inspiegabilmente presso la Commissione Lavori Pubblici con in rischio più che concreto di perdere il finanziamento e privare così il territorio di Tor Sapienza di un’importante opera elaborata e decisa oltre sette anni or sono.

Va sottolineata l’inerzia politico/amministrativa dell’intero Consiglio municipale uscito dalla consultazione elettorale del 2008, con responsabilità sia della maggioranza che dell’opposizione che sembrano sottovalutare i rischi che corre l’esecuzione dell’opera. E questo anche in vista dell’ormai prossimo rinnovo del Consiglio municipale e del più che probabile accorpamento con il Municipio Roma VI.

Il progetto, approvato e finanziato, è  in attesa soltanto del nulla osta da parte degli eletti nel Consiglio municipale del Municipio Roma VII. Ciò potrebbe migliorare nel giro di pochi mesi la mobilità sulla via Collatina con benefici sia per il quartiere di Tor sapienza che per quello della Rustica. Invece è inspiegabilmente fermo presso la Commissione Lavori Pubblici.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti