Pasquale Roberto Rutigliano e Paola Salvatore vincono la Run for Autism

Alla 10ª edizione della gara oltre 2000 runners di corsa insieme a centinaia di ragazzi autistici

La 10ª edizione della Run for Autism si è svolta a Roma il 3 aprile 2022 con partenza alle ore 09,30 da Piazza Bocca della Verità con la partecipazione di oltre duemila concorrenti. Molti atleti quotati romani hanno partecipato all’evento, al primo posto Giorgio Calcaterra il Re della 100 chilometri, i quali hanno corso al fianco di persone meno fortunate per imprimere loro forza e coraggio.

L’evento organizzato dall’’Associazione Sport e Società – Progetto Filippide Roma con la collaborazione della A.S.D. Lazio Olimpia Runners Team e con il Patrocinio della Regione Lazio, Comune di Roma, Coni, Cip, Fidal Lazio, Fisdir e Protezione Civile organizza la 10^ edizione della “Run for Autism”, corsa su strada a carattere Nazionale FISDIR e regionale FIDAL competitiva, non competitiva e a passo libero.

la Run For Autism è una gara podistica di corsa su strada sulla distanza dei 10km che si svolge nella Capitale a conclusione Dell’evento NAZIONALE del Progetto Filippide.

Adotta Abitare A

È stata ideata dal Progetto Filippide nel 2012, e da allora organizzata regolarmente ogni anno con l’obiettivo di sensibilizzare, informare e porre l’attenzione del mondo sportivo e non, sul tema dell’autismo.

A tutt’oggi risulta essere l’unica gara podistica interamente e unicamente dedicata alla sensibilizzazione sull’autismo non solo in Italia, ma in Europa.

L’evento coinvolge tutti gli atleti delle varie sezioni regionali del Progetto Filippide, delegazioni provenienti dai Paesi dell’Unione Europea che parteciparono al progetto ECAP (European Competition for Autistic People nel 2017), associazioni genitoriali, Istituti scolastici e moltissime società podistiche amatoriali di Roma, è infatti, una corsa integrata, dove atleti con autismo e atleti neurotipici corrono insieme, affrontando le stesse fatiche, condividendo le stesse emozioni.

Molto suggestiva e toccante la presenza di numerosi alunni e di intere famiglie, tra le quali abbiamo ritratto quella del direttore Enzo Luciani in compagnia di sua moglie Catia e dei piccoli atleti Leonardo e Andrea.

Finalità di questa manifestazione è sensibilizzare, informare e porre l’attenzione del mondo sportivo e non, sulla rilevanza sociale dell’autismo.

Lo scopo finale è dimostrare come attraverso la promozione e l’implementazione della pratica sportiva, per mezzo di una attività strutturata, si possa fornire ai soggetti interessati, affetti da disturbi dello spettro autistico, la possibilità di far emergere, rafforzare le abilità e le competenze possedute, migliorare le proprie capacità e potenzialità e la loro percezione.

La cronaca: oggi il centro storico di Roma grazie anche alla bellissima giornata quasi a premiare i concorrenti all’evento, si è trasformato in un grande contenitore di solidarietà grazie ai 2000 runners, agonisti e amatori, che hanno corso insieme a centinaia di ragazzi autistici del Progetto Filippide, provenienti da tutta Italia, la 10^ edizione della Run For Autism, la corsa promossa per attenzionare la società sulla persona con autismo.

È stata una giornata ricca di emozioni per tutti, con la parola d’ordine “inclusione” a fare da leit motiv della mattinata.

Cronaca: Alle 9.30, in Piazza Bocca della Verità, è partito il serpentone colorato dei partecipanti, chi impegnato nella 10 chilometri chi nella prova di 5 chilometri. Dopo il passaggio in via Petroselli, i runners hanno percorso alcune tra le vie più celebri della capitale quali via del Teatro di Marcello, Piazza Venezia, via dei Fori Imperiali, Via di San Gregorio, Piazzale del Colosseo e l’interno del Circo Massimo, fino a tornare sulla linea del traguardo in Piazza Bocca della Verità, dove ad attenderli c’erano le decine di operatori che quotidianamente sui propri territori fanno praticare gratuitamente sport ai giovani autistici.

È stata una giornata importante perché grazie a centinaia di runners abbiamo amplificato il messaggio che lanciamo ogni giorno in tutta Italia fin dalla nascita dell’associazione, che mira a diffondere il concetto di inclusione sociale per le persone con autismo – ha dichiarato Nicola Pintus, presidente del Progetto Filippide -”.

La Run For Autism, si è confermata ancora una volta l’unico esempio in Europa in cui un alto numero di atleti con autismo possono svolgere una competizione sportiva con persone neurotipiche.

Alla corsa, hanno partecipato anche centinaia di giovani coinvolti dalle associazioni genitoriali e di volontariato amiche del Progetto Filippide, quali Etica e Autismo, AGSA Lazio, Modelli si nasce, L’emozione non ha voce, FIDA (Forum Italiano Diritti Autismo), Mio fratello è figlio unico, FIABA AUTISMO e Mondo Disabile Future.

Sulla linea di partenza, inoltre, si sono presentati alcuni amici “speciali” della Run For Autism, come gli olimpionici Massimiliano Rosolino e Mario Fiorillo, e l’ultramaratoneta romano Giorgio Calcaterra che, vinse la prima edizione della gara.

La gara è stata vinta da Pasquale Rutigliano in 33:01, che ha preceduto Alexandru Balosca in 33:05 e Emiliano Carloni in 33:12. In campo femminile, invece, vittoria per Paola Salvatori in 36:21, che ha preceduto Kalliopi Schstocheili in 38:49 e Arianna Pantano in 40:07.

La Run for Autism, manifestazione di interesse pubblico del Comune di Roma, gode del sostegno della Regione Lazio, del patrocinio di CIP, Fisdir, Regione Lazio, Roma Capitale, Rai per il Sociale e Rai Radio 1. L’evento è stato sostenuto da ACEA Spa e iN’S.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati