Per i padri, miei fratelli

GiProietti - 30 Gennaio 2021

Ho parlato molto di figli con un mio vecchio amico, quasi coetaneo, ieri, nella sala di attesa dell’ambulatorio che frequentiamo.
Mi ha fatto bene ascoltarlo. Per questo voglio mandare il suo messaggio anche agli altri padri, che vogliono riflettere.

Lui mi ha detto:
“Non prendermi sul serio, perché mi sento un povero uomo, che cerca di prepararsi a vivere con dignità l’ultima parte della mia vita (ho quasi 73 anni e sono, come sai, un soggetto a rischio per gli epidemiologi).
Vedendo il mio primo figlio fare il padre attento, affettuoso e buon educatore coi suoi figli,- e miei carissimi nipoti, coi quali poi anche io cerco di fare altrettanto – mi rendo conto che il mio forte impegno civico e morale nella vita, la mia alacrità e la lealtà e l’abnegazione verso la mia azienda, per 45 anni, alla fine hanno un valore molto più irrilevante di quanto credessi.
Non ho saputo fare il padre, non ho dedicato il mio prezioso tempo ai miei molto più preziosi figli, nel momento in cui loro avevano bisogno di crearsi una struttura interiore equilibrata e fondata sugli affetti vissuti e su un mio dialogo con loro pacato, silenzioso e paziente.
Le mie certezze morali e le mie sicurezze da crociato si sono rilevate insignificanti e alla fine anche dannose, se ho cercato sempre di imporle come riferimento assoluto ai miei figli, che avevano invece disperato bisogno di loro paradigmi e regole…. E allora il risultato è che adesso, a 73 anni, ho capito: io dovevo aiutare a crescere loro e loro, i miei figli quarantenni, stanno aiutando me, a farmi riflettere sulla fallacità delle stupide certezze e della “incrollabilità dell’uomo tutto d’un pezzo” e a prepararmi degnamente a resettare la mia struttura isostatica e a vivere serenamente i pochi anni che restano.Gli allievi hanno superato il maestro.
E il maestro, diventato allievo, ne è felice e riconoscente”.

Il mio amico era commosso, forse felice come non mai, quando ci siamo salutati ed è entrato nello studio del medico.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti