Dar Ciriola asporto

Per la prima volta documentata a Roma la nidificazione di Airone cenerino

"Chiediamo a ParchiLazio l'istituzione del Monumento Naturale per il sito, che riveleremo pubblicamente quando i piccoli aironi saranno involati"
Redazione - 7 Giugno 2021

E’ stato documentato il primo caso di nidificazione di Airone cenerino (Ardea Cinerea) a Roma, all’interno del GRA. Questo è stato monitorato da Mario Paloni, Franco Menenti e Alessandro Fiorillo, tutti attivisti del Gruppo Naturalistico Roma Est “Giancarlo Cristarella”.

Dal mese di aprile gli attivisti hanno documentato e osservato le fasi di corteggiamento, costruzione del nido, cova e schiusa delle uova.
Sono tre i piccoli aironi nati a Roma est, in un’area verde di alto pregio naturalistico e paesaggistico.

Questo evento eccezionale dimostra l’importante contributo delle aree verdi urbane alla conservazione e alla implementazione della biodiversità.
Nella medesima area sono state osservate anche 126 specie di avifauna, mammiferi come la volpe e l’istrice, rettili come il biacco e anfibi come la rana verde, il rospo comune e il rospo smeraldino, osservati anche in fase di riproduzione. Numerosi anche gli insetti, in particolare le libellule.

Gli attivisti del Gruppo Naturalistico Roma Est “Giancarlo Cristarella” auspicano l’adozione, da parte delle istituzioni, di adeguate forme di protezione e tutela per un’area verde urbana che si è dimostrata così preziosa sotto il profilo naturalistico e per la conservazione della biodiversità, utile non soltanto per la lotta al cambiamento climatico ma anche per migliorare la qualità della vita dei cittadini.

“Chiediamo a ParchiLazio l’istituzione del Monumento Naturale per il sito, che riveleremo pubblicamente quando i piccoli aironi saranno involati”.

Le osservazioni eseguite dagli attivisti sono state eseguite nei mesi di Aprile, Maggio e Giugno; sono state effettuate ogni 48h, per ore 1 (una). Hanno riguardato tutti gli aspetti della nidificazione e tutte le sue fasi, l’area in oggetto e l’area limitrofa.
I materiali di costruzione del nido, dove sono stati prelevati dagli aironi, la loro alimentazione.
Sono stati archiviati i dati meteorologici.
Le attrezzature utilizzate per fotografie e video hanno consentito di osservare e documentare il tutto da grandissima distanza, tale da non arrecare il minimo disturbo.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti