Piazza Navona si risveglia con insoliti nuotatori

Esposte le sculture di Federico Paris, omaggio ai mondiali di nuoto
Enzo Luciani - 31 Luglio 2009

Sport e Arte, due discipline che camminano assieme dall’alba dei tempi. Piazza Navona è l’ultimo palco di questa contaminazione, perché l’artista romano Federico Paris alle prime luci del giorno ha voluto omaggiare i Mondiali di Nuoto, disseminando la piazza delle sue teste-scultura, così come aveva fatto a San Pietro, Castel Sant’Angelo, Piazza Barberini, Eur e Foro Italico. Una performance urbana, un’istallazione tipicamente postmoderna di190 teste che rappresentano tutte le nazioni arrivate a Roma per sfidarsi in questo appuntamento mondiale. Un centinaio di nuotatori con cuffietta e occhialini, sono affiorati dai sampietrini della celebre piazza romana regalando un’immagine spettacolare a cittadini e turisti. Sono atleti fermati mentre emergono dall’acqua, il volto rivolto verso una meta ideale, nell’illusione di una sfida sportiva che corre parallela ai campionati.
“Realizzare quest’opera è stato un lavoro lungo e complesso – spiega Federico Paris, artista e scultore romano – cinque mesi di impegno quotidiano per realizzare uno ad uno il calco di ognuna delle teste. Poi la scelta delle decorazioni, la ricerca dei colori e dei simboli che contraddistinguono ognuna delle quasi 200 nazioni che parteciperanno ai Mondiali. Per alcune teste i colori scandiscono semplicemente gli spazi, per molte altre ai disegni geometrici si sostituiscono intrigate ragnatele di colori. Per altre ancora sono i grifoni, le piante, i particolari di animali a raccontare la storia di paesi lontanissimi che sono arrivati a Roma da ogni parte del mondo”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti