Farmacia Federico consegna medicine

Piazza Roberto Malatesta: forse era troppo colorata per qualcuno…

Sradicate e rubate numerose piante di ciclamini messe a dimora domenica 13 dicembre
Olga Di Cagno - 16 Dicembre 2020

Non sconforto, una punta di rabbia, indignazione quanto basta, voglia di non lascarsi sopraffare dalla bruttezza in abbondanza, consapevolezza di lavorare per il bene della comunità: questi gli ingredienti della ricetta che sta animando in queste ore i volontari ed i sostenitori del Comitato Rinascita Via R. Malatesta dopo aver scoperto che, nottetempo, sono state strappate dalle aiuole più di dieci piante di ciclamino.

L’impegno e la dedizione dimostrate domenica, alla luce del sole, senza aver timore di mostrarsi sono abbondantemente più colorate del vile gesto di provocare un danno al territorio.

Gli uni davanti a tutti hanno speso tempo, fatica e denaro per abbellire e rendere vivibile la piazza; gli altri, nascondendosi, camuffandosi, sfruttando il favore dell’oscurità, hanno tentato di riportare disordine, confusione, sporcizia e bruttezza.

Il danno è stato fatto, vero, la ferita inferta, ma il tempo non può essere portato indietro e così il seme della collaborazione e dell’impegno civico, della coscienza nella condivisione di una parte del proprio quartiere ha già iniziato a germogliare: numerosi i cittadini indignati pronti a lavorare di nuovo.

Il Comitato ha affisso, proprio dove domenica scorsa si stavano piantando i fiori, una locandina nella quale avvisa coloro che si sono macchiati dell’atto vandalico che non si è più disposti a subire, ma al contrario si vogliono coinvolgere le persone a collaborare per smascherare i furfanti abbrutitori della piazza.

Per fare una piazza ci vuole un fiore ma per combattere il degrado vandalico ci vogliono i cittadini.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti