Dar Ciriola asporto

Pigneto: pulito o perduto?

C’è tempo fino a lunedì 15 febbraio per firmare la petizione alle istituzioni ma soprattutto alla ASL Roma 2 contro il degrado del quartiere e le mini discariche di strada
Redazione - 13 Febbraio 2021

“NON SIAMO CITTADINI DI SERIE B”: dal Pigneto gli abitanti si organizzano contro le microdiscariche del quartiere con un hashtag tanto ironico quanto efficace:  #pulitooperduto.

L’appello dei cittadini alle istituzioni ma soprattutto alla ASL Roma 2 è contro il degrado del quartiere e le mini discariche di strada.

La petizione che è stata lanciata a novembre quando la situazione era veramente fuori controllo, chiuderà il 15 febbraio.

“La situazione è migliorata- dichiara Eva Vittoria Cammerino cofondatrice di Pigneto Pop, il movimento di quartiere da cui nasce l’appello- il nuovo assessore all’ambiente del municipio V nelle ultime settimane sta svolgendo un buon lavoro a livello di pulizia. Chiediamo però che rimanga alta l’attenzione sui due punti del Pigneto (tra via L’Aquila e via Ascoli Piceno e su via del Pigneto 117) come richiesto dall’appello – sia in materia di raccolta dei rifiuti che in termini di sicurezza. Purtroppo continuiamo ad assistere all’abbandono selvaggio di divani ed elettrodomestici in tutto il quartiere ma sopratutto tra via L’Aquila e via Ascoli Piceno dove la situazione è aggravata dallo spaccio.

Su Via del Pigneto 117 chiediamo che i cassonetti spostati temporaneamente  a inizio 2020 per i lavori da circonvallazione Casilina a Via del Pigneto 117 tra i ristorante e i tavolini dove si mangia, vengano riportati nella loro posizione originaria e tornino ad essere cassonetti differenziati.

L’appello, particolarmente sentito dalla cittadinanza e veicolato con una challenge via social, ha raccolto circa 400 firme.

“C’è tempo fino a lunedì 15 febbraio per firmare”- ricorda Giulia Cavagna, co-fondatrice di Pigneto Pop. “Siamo molto soddisfatti della risposta dei cittadini del Pigneto e della conseguente attenzione che l’amministrazione municipale sta dando al nostro territorio. Auspichiamo che la nostra azione sia solo l’inizio di un cambiamento più profondo con l’obiettivo collettivo di migliorare il nostro quartiere”.

Molti i volontari che si stanno unendo al Movimento di quartiere Pigneto Pop: “ Sono molto contento di far parte di questa iniziativa giovane e piena di entusiasmo. Si discute dei problemi del quartiere in modo innovativo, propositivo e efficace” – dichiara Roberto -“ a metà tra movimento politico e creativo, Pigneto Pop è un invito alla cittadinanza attiva e consapevole. Le idee arrivate e messe in campo dimostrano che gli abitanti di questo quartiere, vitale e in movimento, hanno voglia di mettersi in gioco, soprattutto sui temi del verde urbano, della cultura e dell’arte, sempre con un occhio attento ai più piccoli. Dall’iniziativa il #quartierechevorrei fatta a Natale con i bambini, a #sospini, fino ad arrivare ad un contest di street art. C’è spazio per tutti. E questo è solo l’inizio!”

Adotta Abitare A

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti