“Più bus per Roma”: 227 entro ottobre, 80 subito

Sono i Citymood, bus di nuova serie presentati dalla sindaca Raggi, dall’assessora Meleo e dal presidente Atac Simioni
Redazione - 1 Agosto 2019

In arrivo 227 nuovi bus. I primi 80 entrano in servizio subito (60 da questo pomeriggio, venti entro il fine settimana), altri 60 arriveranno entro settembre, la flotta completa (227 mezzi) sarà su strada entro ottobre. Sono i Citymood, bus di nuova serie acquistati da Roma Capitale tramite piattaforma Consip e presentati dalla sindaca Virginia Raggi, dall’assessora alla Città in Movimento Linda Meleo e dal presidente di Atac Paolo Simioni.

Il profilo tecnico dei nuovi mezzi, di diversi tipi e dimensioni: 116 bus da 12 metri a gasolio euro 6, 20 a gasolio da 10 metri, 91 da 12 metri a metano. Posti massimi 109 (nei 12 metri a gasolio). I mezzi sono a due e tre porte. Caratteristiche comuni a tutti i bus: pedana manuale, posto disabili, impianto antincendio, videosorveglianza, climatizzatori, sistema Avm di localizzazione e conta-passeggeri, monitor multimediali e cartelli indicatori a led. I mezzi sono coperti da garanzia di cinque anni.

“Mettiamo su strada nuovi autobus per rafforzare le linee periferiche della nostra città”, afferma la sindaca Virginia Raggi. “Con queste vetture rinnoviamo e svecchiamo un parco mezzi con un’età media di oltre 12 anni. Da qui ai prossimi mesi, a cascata, saranno in circolazione tutti i 227 bus. Vuol dire meno attese alle fermate, collegamenti che funzionano e un servizio migliore per tutti i cittadini. Questo è solo il primo passo”.

“Per la prima volta dopo anni Roma Capitale ha acquistato nuovi mezzi per rinnovare la flotta Atac”, dichiara dal suo canto l’assessora Linda Meleo. “Un passo in avanti che segna un cambiamento importante nella gestione del trasporto pubblico. Nuovi bus che miglioreranno i collegamenti nelle periferie come Tor Bella Monaca, rendendo la vita più facile a migliaia di utenti della rete di superficie”.

Le prime 80 vetture, informa Atac, “verranno assegnate alle principali rimesse per consentire una distribuzione omogenea su tutto il territorio cittadino. In particolare: 20 mezzi da 10 metri saranno dislocati ad Acilia, 20 da 12 metri a Grottarossa, 10 da 12 metri a Magliana, 20 da 12 metri a metano a Tor Sapienza e 10 da 12 metri a metano a Tor Pagnotta.

“I nuovi bus”, prosegue il comunicato aziendale, “ad agosto verranno utilizzati per svolgere il servizio sostitutivo di superficie delle tratte di metro A interrotte per lavori. Successivamente verranno impiegati sulle principali linee della città, sia in centro che in periferia. Tra queste, a titolo esemplificativo e non esaustivo, lo 075 e il 508 (zona Tor Bella Monaca), il 98 e il 775 (zona Corviale), lo 063 (zona Stazione Acilia), il 309 e il 544 (zona Casal Bruciato)”.

Prende così concretamente il via – dichiara il presidente di Atac Paolo Simioni – “il rilancio, lungamente atteso, della quantità e qualità dell’offerta del servizio di superficie nella Capitale”. 227 nuovi mezzi “su strada per servire gli  stessi passeggeri che in questi anni hanno dovuto subire una progressiva e costante diminuzione di servizio”. E in quest’ottica (“azienda con al centro il passeggero, maggiore efficienza e produttività”) Simioni preannuncia: “Altri nuovi bus arriveranno a partire dal 2020, sia finanziati da Roma Capitale che autofinanziati da Atac. Complessivamente la flotta aziendale avrà circa 700 nuovi bus”.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti