Più spazi verdi, marciapiedi e percorsi pedonali per via Santi, via Grotta di Gregna e via Venafro

Il Comitato Tiburtino Sud richiede il rispetto degli impegni presi dal V municipio e dall'architetto
Comunicato Stampa - 19 Giugno 2008

Il Comitato Tiburtino Sud informa che il 5 giugno 2008 presso la scuola elementare di via F.Santi e’ stato invitato ad una pubblica assemblea dal Presidente del V municipio e dagli architetti dello studio Zevi. Durante l’assemblea e’ stato presentato un progetto di sistemazione del territorio per complessivi due ettari e mezzo con una spesa di circa 870.000 euro. Il progetto riguardera’ le strade di via Santi, via Grotta di Gregna e via Venafro con allargamento degli spazi verdi, dei marciapiedi e dei percorsi pedonali per bambini con il conseguente restringimento della carreggiata ora destinata agli autoveicoli.

In sede di discussione e di dibattito il Comitato Tiburtino-sud ha espresso apprezzamento per la validita’ dell’iniziativa dal punto di vista ambientale e dei bambini manifestando obiezioni per l’impatto sulla circolazione delle strade interessate: via Grotta di Gregna ,via L. Tamburrano, via G. Cassiani e via A. Mammucari. A progetto completato la circolazione nelle strade limitrofe sarà molto rallentata ed aggravata da smog e caos creando notevoli disagi ai residenti attuali (circa 5000).

Il V Municipio e l’architetto Zevi, responsabile dell’attuazione dell’opera, si e’ impegnato a dar seguito alle indicazioni del Comitato: la sistemazione in via Cassiani di dossi, semafori pedonali e segnaletica in modo da evitare l’alta velocità alle auto in tutte le ore del giorno e della notte; la sistemazione della segnaletica e dei passaggi pedonali in via Grotta di Gregna; il rifacimento della segnaletica dei parcheggi pubblici in via Cassiani; il rifacimento della segnaletica orizzontale e dei divieti di sosta adiacenza numeri civici passi carrabili di via Tamburrano 33 e 35.
Il Comitato Tiburtino Sud ha inoltre ufficialmente chiesto un incontro urgente con il presidente Ivano Caradonna e con il nuovo Assessore al Patrimonio del Comune di Roma


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti