Preoccupazioni per il futuro parco di Tor Marancia

Catarci: "un Parco desiderato e promesso che non c’è"
Enzo Luciani - 26 Ottobre 2012

 

 “Prima la Giunta Alemanno e poi nell’estate 2010 il Consiglio comunale di Roma hanno deliberato la realizzazione del Parco di Tor Marancia, indicando in dicembre 2012 la data di ultimazione dei lavori. Ma ad oggi quello che dovrebbe diventare il più grande spazio verde della città rimane abbandonato ed infruibile per la cittadinanza. E’ quanto dichiara Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI.   "Nei circa 200 ettari – prosegue il minisindaco – si attende che diventi realtà il progetto approvato dall’Ente Parco Appia Antica e finanziato con gli 11 milioni di euro versati per opere pubbliche dal consorzio di costruttori, a seguito delle lunghe e vittoriose battaglie a difesa della Tenuta e delle compensazioni avute dai costruttori stessi in altre parti della città. Con essi si deve provvedere alla messa in sicurezza dell’intera area, ai servizi di accesso, alle ripiantumazioni, alla realizzazione dei sentieri, all’illuminazione, al restauro dei casali, ai servizi di accesso ed altro ancora, con l’obiettivo di sviluppare le vocazioni tutte, ambientale, archeologica, storica, culturale, agricola. Il risultato, dopo anni di chiacchiere e promesse vuote, è sotto gli occhi di tutti: niente di niente”.    “A dimostrare che non c’è limite al peggio, mentre dalla parte del Parco non si muove assolutamente nulla, dall’altro lato di Via Grottaperfetta compaiono beffardamente i primi striscioni che annunciano la nascita del complesso residenziale denominato I 60, cioè altro mattone e altro cemento.”   “Come già troppe volte è accaduto in città l’interesse collettivo viene derubricato dall’agenda e finisce in coda nella lista delle priorità. Insieme alle associazioni ambientaliste e culturali, insieme alla cittadinanza locale ed a tutti quelli che attendono impazienti, non intendiamo permettere che si ritardi ancora la realizzazione del Parco di Tormarancia – conclude Catarci -, Bene Comune della città di Roma.”  

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti