Primarie Pdl 1, 2, 3, 4, 5, 6 – Il vero problema? Pato

Fatti e misfatti di novembre 2012 di Mario Relandini
Enzo Luciani - 24 Novembre 2012

Primarie Pdl 1

"Il segretario del Pdl, Angelino Alfano – è la "story" tutt’altro che "love" – avrebbe voluto le primarie del partito il 13 gennaio 2013, ma poi ha dovuto cedere ai colonnelli di ex Alleanza nazionale e fissarle per il 16 dicembre".

Ma Angelino Alfano le avrebbe volute il 13 gennaio quando si festeggia Santa Veronica da Binasco e Veronica, dal greco, significa portatrice di vittoria? E i colonnelli di ex Alleanza nazionale hanno invece strappato il 16 dicembre quando si festeggia Santa Albina, la giovane che fu decapitata perché contraria a sacrificare ai vecchi dei pagani? Insomma, per i colonnelli di ex Alleanza nazionale, molto meglio un Angelino Alfano decapitato come Santa Albina piuttosto che come una Veronica portatrice di vittoria? Coincidenze e ricostruzioni forse maligne. Calendario dei santi, però, alla mano.

Dar Ciriola asporto

Primarie Pdl 2

"Queste primarie del Pdl – si è ulteriormente irritato Silvio Berlusconi – sono ormai una pagliacciata: alla fine scendo in campo io con una mia lista e non se ne parla più".

"Rumors" nei palazzi della politica stanno facendo intendere che i colonnelli di ex Alleanza nazionale sono stati presi da un improvviso mal di pancia e stanno affannosamente cercando un qualche "Buscopan strategico" per superare la loro crisi.

Primarie Pdl 3

"Se dovesse candiadrsi alle primarie anche un solo indagato – aveva severamente avvertito il segretario del Pdl, Angelino Alfano – io non parteciperei più alla competizione".

Ora, però, sono spuntati – fra la decina dei candidati – già due indagati: il milionario immobiliarista Alessandro Proto e il milionario banchiere Giampiero Samorì. Coerentemente, allora, il segretario Angelino Alfano si ritirerà dalla competizione? E poi? Lascerà che abbia la meglio, quasi sicuramente, uno dei due milionari indagati? Oppure non gliene importerà niente perché andrà a rifugiarsi nella sempre più probabile nuova lista del Cavaliere furioso?

Primarie Pdl 4

"A me – ha replicato, intanto, il milionario immobiliatorista indagato, ma tra i candidati alle primarie del Pdl, Alessandro Proto – di quello che dice il segretario Alfano "non me ne frega proprio niente"".

Nemmeno Matteo Renzi è arrivato a tanto, in tutta la campagna elettorale per le primarie del Pd, nei confronti del suo rivale segretario Pieluigi Bersani.

Primarie Pdl 5

"Ma dichiarando guerra agli indagati – ha ironizzato, da parte sua, l’altro milionario candidato, il banchiere Giampiero Samorì – Angelino Alfano ha fatto un clamoroso autogol, se solo si pensa a Silvio Berlusconi e alle sue vicende giudiziarie".

Ma Angelino Alfano sta dimostrandosi "leader" dalle grandi risorse. E, in questa occasione, ha sparato così contro il milionario candidato Samorì: "E no, caro Giampiero: un conto è essere indagati come voi, un conto è essere perseguitati dalla Magistratura come Silvio Berlusconi". Solo che, obiettivamente, a chi spetterà, ora, l’arduo compito di distinguere tra indagato semplice e perseguitato dalla Magistratura?

Primarie Pdl 6

"Ragazzi – hanno creduto opportuno avvertire i due tesorieri provvisori del Pdl – qui, per le primarie, non c’è neppure un euro. Per l’organizzazione, perciò, occorre che i soldi li mettano i vari candidati".

Ma, tra i vari candidati, a poter metterci i soldi senza fatica potrebbero essere, soltanto, i milionari Alessandro Proto e Giampiero Samorì. E, dunque, sarebbe una gara, alla fine, tra loro due? Tra loro due indagati? Si starà a vedere. In attesa che Angelino Alfano, "leader" dalle grandi risorse, eviti un tale evento e, conseguentemente, davvero la fine del Pdl.

Il vero problema? Pato

"Pato – si è rammaricato Silvio Berlusconi – è, ormai, un vero problema: speriamo di poterlo risolvere".

Ecco, oggi, il vero problema, per Silvio Berlusconi, è Pato. Cioè un calciatore della squadra calcistica del "Milan" vittima di troppi incidenti e la sua vera preoccupazione è quella di arrivare ad una rapida soluzione. Massima comprensione da tutti gli italiani, anche non "milanisti", i quali stanno facendo i conti con problemi che, al confronto di quello di Pato, sono una stupida inezia. 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti