Protesta a nome degli anziani diabetici

Un'assurda disposizione che penalizza gli anziani che non sono forniti di cellulare o di computer
Rossana Meteori - 27 Maggio 2020

Sono Rossana Meteori, anziana diabetica. Sono amareggiata con la Sanità competente per lo stupido e vergognoso iter burocratico per il piano propedeutico che dura solo un anno (dal diabete non si guarisce) che dosa la quantità trimestrale delle lancette e strisce reattive per il controllo della malattia, in special modo in questo periodo oppresso dalla Pandemia e con gli ambulatori chiusi.

Per richiedere il piano propedeutico Il medico di famiglia richiede le analisi, poi la visita diabetologica, che l’anziano deve fare personalmente. Quindi la struttura, a cui egli si è rivolto, gli dà il piano da consegnare al medico, mentre una copia viene inviata telematicamente alle farmacie. Invece per poter rifornirsi di detto materiale il medico è obbligato a prescrivere la richiesta su ricetta rossa scritta a mano e con la sua firma ben visibile.

È assurdo che non possa fare la richiesta direttamente alla farmacia a nome dell’interessato o per via telematica come per le altre ricette e richieste. È da pochi giorni che hanno autorizzato il medico a inviare al paziente, su WhatsApp, la foto della richiesta,  ben chiara e con la sua firma ben visibile. Quindi si può andare o mandare qualcuno provvisto di tessera sanitaria a ritirare il materiale.

Dar Ciriola asporto

Nessuno si è chiesto se tutti gli anziani sono forniti di cellulare o di computer. Fosse un medicinale compromettente lo capirei ma è solo materiale, necessario, per il controllo della malattia e non credo che se ne possa fare un abuso.

 

Rossana Meteori


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti