Quarticciolo: ricollocazione della Targa intitolata al partigiano Savino Rella

Martedì 12 settembre 2017 alle ore 18,30 in piazza del Quarticciolo
Redazione - 11 Settembre 2017

Ricostruire la memoria nei nostri quartieri è lo slogan dell’iniziativa promossa dall’ Assessorato alla Cultura del V municipio e dalla Sezione Centocelle dell’ A.N.P.I. “Giordano Sangalli” che si svolgerà martedì 12 settembre 2017 alle ore 18,30 in piazza del Quarticciolo, durante la quale si procederà alla ricollocazione della Targa originale in marmo della sezione A.N.P.I. di Quarticciolo, intitolata a Savino Rella.

Interverranno: Modesto Di Veglia (partigiano di Bandiera Rossa e Presidente della sezione A.N.P.I. “G. Sangalli”), Clemente Scifoni (partigiano dei GAP), Letizia ROSSI (Vicepresidente dell’A.N.P.I. provinciale), Francesco Sirleto (Delegato alla valorizzazione della memoria storica per il Municipio V), Maria Teresa Brunetti (Assessore alla Cultura del Municipio V)

Seguirà aperitivo offerto dal Red Lab Quarticciolo

Alle ore 21,00 proiezione, al Teatro Quarticciolo, del docufilm “Hotel 4 stelle”.

Tra i caduti della Montagnola “figura Savino Rella e il fratello del giornalista Ivano SELLA uccisi dai fascisti su esplicita richiesta delle SS Naziste, con tanto di processo e medaglia di RAME offerta alle famiglie – informa la nipote Silvana Rella, che aveva soltanto 19 anni – quando fu ucciso barbaramente con un colpo di pistola dietro la nuca e fatto spogliare nudo. Ricordo ancora gli occhi lucidi di mio padre quando mi raccontava, cosa fosse accaduto al fratello più piccolo, il dolore straziante di mia nonna e la sua paralisi subito dopo, il calcio al sedere che mio nonno ebbe il coraggio di dare all’assassino di suo figlio per poi mandarlo via, mentre i mandanti durante il processo ebbero il coraggio di dire che avrebbero rifatto tutto e di più, ricordo la voce spezzata e tremolante di mio padre che diceva di non portare rancori altrimenti le faide familiari sarebbero continuate conoscendo nomi e cognomi. Dal processo ci furono condanne mai scontate e nessun riconoscimento, se non una lapide al ricordo dei caduti al Verano e una lapide al Quarticciolo…


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti