Raccolta pile scariche esplosiva in via dei Castani

L'Ama da tempo non svuota il suo punto di Raccolta a Centocelle che ora trabocca
Alessandro Moriconi - 3 Settembre 2019

Da tempo Ama Spa ha installato in via dei Castani 77 a Centocelle un contenitore destinato ad accoglire le pile esaurite.

Questo è un servizio che i cittadini reputano importante perché spesso queste batterie, che sono molto inquinanti, vengono trovate ovunque, addirittura nei cassonetti dell’indifferenziata.

In poco tempo la postazione ha raccolto un numero impressionante di batterie che stanno per far “esplodere” il prezioso contenitore.

Purtroppo Ama Spa non è nuova nel dimenticare quello che “piazza sul territorio”, e i cassonetti rotti per mesi sprovvisti di coperchio o con il differenziato, plastica, carta e vetro, non ritirati per settimane, sono purtroppo una costante e sembra quasi impossibile avere un servizio meglio organizzato e quindi efficiente.

La foto risale al 29 agosto e appena postata su Facebook ha immediatamente trovato riscontro in un cittadino, il Sig. Davide Santoro, che aveva già notato il disservizio e lo aveva segnalato attraverso il SUS del Comune di Roma (numero di protocollo 61177 del 29/8/2019).

Speriamo che intervengano con urgenza e riparino lo sportello piegato dal peso e dal volume delle batterie e che si organizzino per programmare un puntuale ritiro delle pile esauste.

Qui l’elenco di tutti i punti di raccolta Ama sul territorio del V municipio https://www.amaroma.it/raccolta-differenziata/pile-scariche/?Municipio=V&p=0.

Concludiamo citando il sito dell’Ama che ci ricorda:

Le pile e batterie scariche – a stilo rettangolari, quadrate, tonde – vanno gettate esclusivamente negli oltre 900 contenitori appositi presso negozi, sedi Ama, scuole ecc.

Non possono esser gettate insieme ad altri materiali perché sono rifiuti pericolosi che contengono materiali tossici come mercurio e cadmio.

Le batterie di telefoni cellulari e le batterie auto vanno consegnati presso i Centri di raccolta per smaltirli correttamente senza provocare danni all’ambiente e alla salute delle persone.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti