Raccolte 190 tonnellate di rifiuti ingombranti nei municipi pari di Roma

Domenica 15 dicembre 2019 l'ultimo appuntamento del 2019 nei municipi dispari
Redazione - 10 Novembre 2019

Ammontano a circa 190 le tonnellate di rifiuti urbani e ingombranti consegnate questa mattina dai cittadini nei municipi pari della Capitale nel corso del nono appuntamento del 2019 con “Il tuo quartiere non è una discarica”, la campagna organizzata da Ama e Tgr Lazio.

Ama ha messo a disposizione dei romani 15 siti (10 ecostazioni allestite per l’occasione e 5 Centri di Raccolta fissi) presso cui è stato possibile raccogliere i normali rifiuti ingombranti  (sedie, letti, divani, scaffalature, materassi, ecc),  i RAEE ( rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche come computer, televisori, stampanti, telefonini, frigoriferi, lavatrici, condizionatori, ecc.) ed altri materiali particolari (come pile, oli esausti, contenitori con residui di vernici e solventi). Ama provvederà a differenziare secondo la categoria merceologica (legno, ferro, plastica, altri metalli) i rifiuti riciclabili raccolti e ad avviarli alle rispettive filiere di recupero.

Ama ricorda ai cittadini che sono a disposizione altri due canali, gratuiti e facilmente accessibili, per disfarsi dei rifiuti ingombranti, elettrici, elettronici e di tutti quei materiali che non devono essere assolutamente conferiti nei cassonetti stradali. Gli utenti possono infatti utilizzare i Centri di Raccolta aziendali  aperti tutti i giorni e dislocati in più aree della città  o, in alternativa,  ricorrere al servizio di ritiro a domicilio per i materiali fino a 2 metri cubi di volume, prenotabile al “ChiamaRoma” 060606 oppure compilando il modulo on-line sul sito.

Tutte le informazioni sul corretto smaltimento dei rifiuti ingombranti sono comunque disponibili sul sito www.amaroma.it o contattando il numero verde   800 867 035.

Il tuo quartiere non è una discarica” tornerà domenica 15 dicembre per l’ultimo appuntamento del 2019, stavolta nei municipi dispari.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti