Rastrellamento del Quadraro, Guadagno (M5S): “Al lavoro per conferire onorificenze a superstiti e parenti dei deceduti”

Redazione - 6 Ottobre 2017

Foto Valter Sambucini

“Il rastrellamento del Quadraro fu un evento storico che ha profondamente segnato la storia della nostra città. Duemila furono le persone catturate dalle truppe tedesche nel quartiere alla periferia sud di Roma che, il 17 aprile 1944, visse uno dei momenti più drammatici vissuti dalla popolazione romana durante la Seconda Guerra Mondiale.
Sin dal suo insediamento, l’attuale Amministrazione Capitolina ha voluto tributare alla vicenda la giusta attenzione organizzando, attraverso la Commissione Cultura, diversi incontri con i rappresentanti dei superstiti al fine di raccogliere le loro istanze e di assicurare la presa in carico, da parte di Roma Capitale, di alcune iniziative e attività al fianco dell’Associazione dei reduci, anche grazie a un atto successivamente votato all’unanimità dall’Assemblea Capitolina.
Attualmente l’Amministrazione Capitolina si sta facendo promotrice, congiuntamente con l’Associazione nazionale dei reduci dalla Prigionia, di una proposta finalizzata al conferimento di onorificenze per i superstiti della deportazione del Quadraro, all’incirca una decina come emerso da alcune indagini condotte dalla stessa ANRP e dall’ufficio Anagrafe di Roma Capitale. Inoltre, sarà nostra cura organizzare una cerimonia di conferimento delle stesse nel Municipio VII che coinvolga i parenti dei deceduti.
Colgo l’occasione per porgere le mie più sentite doglianze alla famiglia di Sisto Quaranta (nella foto), reduce deceduto ieri all’età di 93 anni che contribuì con dedizione alla rinascita del quartiere e che raccontò la propria tragica testimonianza nelle scuole romane, diventando per gli studenti che ne ascoltavano la storia un vero e proprio simbolo della memoria storica della città di Roma”.

Lo dichiara, in una nota stampa, il presidente della Commissione Cultura, Politiche Giovanili e Lavoro Eleonora Guadagno.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti