Re – inagurato l’allargamento della Tiburtina

Al via i lavori che interesseranno il tratto da Rebibbia a Marco Simone. Alemanno: "bisogna domare il traffico di Roma"
Enzo Luciani - 31 Luglio 2009

E’ stato inaugurato il 29 luglio, dal sindaco di Roma Gianni Alemanno, il cantiere per l’ampliamento dell’attuale sede stradale di via Tiburtina nel tratto compreso tra Rebibbia e via Marco Simone. Al taglio del nastro erano presenti, anche, l’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Roma, Fabrizio Ghera, il presidente del V Municipio Ivano Caradonna e il presidente dell’Unione degli Industriali e delle Imprese di Roma Aurelio Regina. Il cantiere dello storico progetto, attesissimo dagli abitanti di Roma est e che ha visto più di un’inaugurazione e diversi stop a causa di ritrovamenti e  ricorsi, dovrebbe concludersi entro giugno 2012.  Durante il periodo dei lavori, dal costo di quasi 98 milioni di euro, verranno segnalate soluzioni di viabilià alternativa per contenere i disagi alla circolazione dei veicoli.

"Una delle strade consolari più importanti di Roma finalmente potrà acquisire un assetto di mobilità adeguato -questa la dichiarazione del sindaco Alemanno. Siamo molto orgogliosi di questa giornata, finalmente oggi dopo tanti contenziosi e un iter piuttosto complicato l’inizio dei lavori di allargamento diventa una realtà. Si tratta di un’opera molto importante per i cittadini e per le imprese romane".

L’obiettivo del Sindaco è domare il traffico di Roma. ”Ci sono molte consolari su cui bisogna intervenire – ha spiegato Alemanno- presenteremo presto un piano strategico per la mobilità. Per tanti anni queste strade sono rimaste con la stessa ampiezza, si sono caricate di tante case e tante industrie e questo ha bloccato la città".

Un’altra arteria su cui il primo cittadino dichiara di voler intervenire è la Palmiro Togliatti. "Vogliamo mettere nel corridoio della mobilità, al centro della Togliatti, gli autobus (come era da progetto iniziale n.d.r.)”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti