Regione Lazio chiude Casa Verbano

Torricelli e D'Ortenzio (SEL): l'ultimo insulto della Polverini alla memoria
Enzo Luciani - 28 Settembre 2012

“I sigilli posti ieri dagli operai della Regione Lazio alla casa che era stata di Carla e Valerio Verbano rappresentano l’ultimo gesto di disprezzo per la memoria e per i valori di solidarietà e giustizia compiuto dalla giunta Polverini nel giorno delle sue dimissioni”. Così in una nota Giancarlo Torricelli, coordinatore di Sinistra Ecologia Libertà di Roma area metropolitana e Marina D’Ortenzio esponente del coordinamento.

“C’era una trattativa in corso tra la regione e i giovani del territorio che volevano rispettare la volontà di Carla Verbano, mantenere vivo il suo ricordo e quello di Valerio, trasformando l’abitazione in un centro culturale. Questa trattativa è stata interrotta con la violenza del gesto compiuto ieri mattina e deve immediatamente essere riaperta. La fase di ‘ordinaria amministrazione’ del consiglio regionale e le imminenti elezioni non possono trasformarsi in un alibi. I sigilli -concludono gli esponenti di SEL-, devono essere immediatamente rimossi e l’abitazione diventare presto un contributo essenziale alla ricerca della verità sulla morte di Valerio Verbano.”


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti