Rendere più belli i giardini a Colli Aniene

Grazie alla collaborazione tra l’Associazione l’Anfiteatro e il Servizio Giardini di Roma Capitale
Antonio Barcella - 3 Dicembre 2021

Molte persone hanno notato l’insolita attività degli ultimi giorni nelle aree verdi del quadrante che orbita intorno a via Ruini e viale Franceschini. Siepi ed alberi sono stati potati e una manutenzione generale di tutte le aree è stata effettuata riportando la situazione del verde pubblico ad un livello quantomeno accettabile. È il frutto della collaborazione tra l’Associazione l’Anfiteatro e il Servizio Giardini di Roma Capitale.

Si potrebbe fare di più? Certamente sì, se ci fossero più famiglie a contribuire per la cura del verde pubblico in adozione. Invece accade il contrario: sempre meno famiglie a farsi carico di un onere volontario ma segno di una grande civiltà nel rispetto del proprio quartiere. Eppure l’associazione si fa carico anche di quello che non le spetta, come la malattia dei Pini (Toumeyella Parvcornis) che sta mettendo in pericolo un patrimonio arboreo inestimabile. Il Consiglio Direttivo dell’associazione l’Anfiteatro, dopo la relazione tecnica di una società specializzata, ha deliberato l’intervento endoterapico contro l’organismo alieno (cocciniglia) che ha infestato anche i pini del nostro quartiere oltre che quelli di tutta la città. Ben 34 pini dell’area in adozione all’Anfiteatro saranno sottoposti alle cure con un costo di circa 45 euro (+IVA) per ogni albero.

Tutto questo viene fatto con il contributo di poche famiglie che da 8 anni si autotassano per rendere più bello il proprio quartiere che altrimenti si sarebbe trasformato in una selva oscura. Ricordiamo però, che l’azione volontaria di pochi non può bastare ad ottenere un risultato accettabile. Per questo l’Anfiteatro fa appello ad altri cittadini del comprensorio di unirsi alle 300 famiglie versando una piccola quota che ripartita mensilmente è poco di più di qualche caffè offerto agli amici.

Quello che invece ci aspettiamo dal Servizio Giardini di Roma Capitale è che si metta mano ai sentieri mattonati che attraversano le aree verdi di viale Franceschini dove ormai la gente rischia gli arti superiori ed inferiori per percorrerli. Già almeno tre persone sono finite al pronto soccorso per cadute su questi tratti. Non è normale che all’alba del terzo millennio le persone girino di sera per il quartiere con le torce dei telefonini accesi onde evitare pericolose cadute su un mattonato che è diventato una vera e propria trappola. Occorre immediatamente una illuminazione decente e il rifacimento dei sentieri con una soluzione migliore e definitiva. È una questione che sosteniamo da anni… è arrivato il momento che qualcuno se ne faccia carico.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti