Rete elettrica cittadina, accordo Regione-Comune-Terna per rinnovo impianti

Gualtieri: “Concreti benefici in termini di qualità, sicurezza e risparmio energetico”
Comunicato stampa - 11 Marzo 2022

Firmato presso l’auditorium della società Terna un protocollo che definisce una stabile collaborazione – tra Regione, Campidoglio e la stessa Terna –  per realizzare le infrastrutture che aumenteranno efficienza, sostenibilità e sicurezza del sistema elettrico della Capitale. Hanno sottoscritto l’accordo il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, il sindaco Roberto Gualtieri e l’amministratore delegato di Terna, Stefano Donnarumma.

L’intesa prevede un importante intervento sulla rete ad alta tensione: sarà sostituita l’intera dorsale in cavo interrato da 150 kiloVolt che va dalla cabina primaria “Laurentina” fino alla “Flaminia”, passando per le cabine primarie “Ostiense”, “Villa Borghese” e “Nomentana”. Saranno quindi realizzati quattro collegamenti invisibili per un totale di circa 25 chilometri. Il tutto, con un investimento di oltre 60 milioni di euro. I nuovi cavi, tecnologicamente più avanzati degli attuali, verranno posati in parte in adiacenza a quelli esistenti, in parte su nuovi percorsi.

“L’ammodernamento della rete elettrica di Roma è un tassello importante dell’impegno per una Capitale sempre più efficiente e sostenibile”, ha affermato il sindaco Gualtieri. “Vi saranno concreti benefici per il nostro territorio, in termini di qualità e sicurezza della fornitura e di un maggiore risparmio energetico”, ha proseguito il Sindaco. “Roma Capitale, Regione Lazio e Terna lavoreranno insieme per assicurare una veloce realizzazione delle opere e per favorire gli interventi di riqualificazione previsti dall’accordo, a partire da quelli che riguardano diversi tratti della banchina del Tevere”.

“Il protocollo che firmiamo oggi”, ha concluso Gualtieri, “è un modello positivo di collaborazione che tiene insieme sviluppo del territorio, tutela dell’ambiente e rigenerazione urbana”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti