Rifiuti: “A Roma la differenziata cala e i rifiuti aumentano. E la Raggi narra la favola del divieto delle plastiche”

Lo dichiara Piergiorgio Benvenuti, ex Presidente dell’Ama sino al gennaio 2014 ed oggi portavoce del Movimento ecologista Ecoitaliasolidale
Redazione - 26 Marzo 2019

“Dopo il rogo al Tmb di Rocca Cencia sono sconcertanti le parole della Sindaca Raggi «Stavamo lavorando sul divieto di utilizzo delle plastiche monouso a Roma”.

“Dopo che per la prima volta da un decennio nella Capitale guidata dalla Sindaca Raggi la raccolta differenziata invece di incrementare diminuisce,  sembrerebbe che si attesta al 43,9%, un 0,4%  in meno rispetto al 44,3% con cui si era chiuso il 2017 e la produzione dei rifiuti invece di diminuire è aumentata”.

E’ quanto dichiara Piergiorgio Benvenuti, ex Presidente dell’Ama sino al gennaio 2014 ed oggi portavoce del Movimento ecologista Ecoitaliasolidale.

“Sono nettamente convinto che la plastica è uno dei mali che affligge il mondo e soprattutto i mari, ma collegare il fatto gravissimo come quello dell’incendio del Tmb di Rocca Cencia, peraltro dopo la distruzione del Tmb del Salario sempre con un incendio,  non ha proprio senso e soprattutto è un programma poco credibile con i cumuli di rifiuti intorno i cassonetti in tutta la città, con strade indecenti”.

“Ora è il momento di chiedere all’attuale vertice di Ama ed agli amministratori di Roma Capitale perché l’incremento della Raccolta differenziata è di fatto bloccata, anzi sembrerebbe diminuire,  perché la produzione dei rifiuti a Roma invece di diminuire è aumentata, perché non sono state inaugurate altre Isole Ecologiche, perché per mesi non ha funzionato la raccolta degli ingombranti gratuita a domicilio, perché molti mezzi dell’azienda sono bloccati nelle
autorimesse e non riparati, perché si è bloccato l’ampliamento dell’impianto di compostaggio Ama a Maccarese, e potrei continuare all’infinito.

“Ai cittadini è stata promessa la discontinuità, la città, ma anche i turisti – prosegue Benvenuti – si trovano a dover subire in tema di rifiuti e non solo, un danno quotidiano di efficienza e di immagine, vi è quindi necessità di cambiare completamente. Un radicale cambiamento nella gestione dell’Ama – conclude Benvenuti-  a garanzia del servizio e dei dipendenti, per proseguire nello sviluppo della  strategia Rifiuti Zero che vorremmo ricordare è partito da lontano,
negli anni passati e sicuramente prima dell’avvento della Sindaca Raggi che oggi ci racconta l’ennesima favola, la messa al bando della plastica nella Capitale”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti