Riflessioni dalla montagna

GiProietti - 27 Agosto 2022

Ringrazio chi ieri, 26 agosto 2022, mi ha accompagnato a vedere, in cima ad una montagna, tanti paesini a fondo valle. Li conosco tutti e frequento i loro abitanti, che ascolto con attenzione, che cerco di capire per migliorare il mio rapporto personale con loro e la mia partecipazione alla vita della comunità.
Chi era con me ha avuto sempre cura di creare tanta serenità in queste due ore di svago; ho molto apprezzato, ma non ho potuto fare a meno di continuare a riflettere sulla nostra situazione politica ed economica, assurda, incomprensibile ed indigesta da tutti i punti di vista.

1. L’ Italia, per il suo modo di fare politica, di gestire la cosa pubblica, di partecipare al controllo di questa gestione, …ha uno dei debiti più alti al mondo.
A ciò si aggiungono i problemi critici che hanno tutti: inflazione, crisi dell’euro, aumento dei tassi.
2.Per quanto riguarda la politica, abbiamo rasentato il ridicolo: tutti i signori candidati al Parlamento il 25 settembre 2022, non sono riusciti neppure a eleggere un nuovo Presidente della Repubblica. Poi, nell’impossibilità di rispondere adeguatamente alle crisi Covid 19, sanitaria ed energetica, con un governo efficace e politicamente forte, che non sono riusciti a formare, hanno dovuto accettare la sollecitazione europea e di Mattarella a formare un Esecutivo di Unità quasi Nazionale ed affidarne la guida al Tecnico Economico più autorevole europeo, Mario Draghi.
3.Il Governo ha operato come ha potuto, cercando di far lavorare insieme massime autorità economiche- scientifiche con signori che non conoscono il PNRR e soprattutto le grandi novità normative, regolamentari, legali, che UE ha voluto, (soprattutto) per l’Italia.
3a.Ha provato a fare le Riforme Strutturali necessarie, indispensabili per cominciare a gestire legalmente ed efficacemente i 191.5 miliardi di euro offertici da UE. Ma sapete che la Semplificazione e la Riforma della Giustizia sono ben magri obiettivi raggiunti (niente sistema delle responsabilità nella prima e solo “sliding doors” nella seconda), quasi sconcertanti. Sul Catasto, poi, i signori candidati, che già si credono a Palazzo Chigi, hanno bloccato tutto e rinviato alla fine della prossima legislatura… E quindi ecco la crisi provvidenziale che tira una linea, per cancellare, non per consuntivare e per discutere gli errori enormi fatti!
3b.Sul piano economico, non potendo adottare stimoli fiscali per quanto sopra, né provvedimenti adeguati, data anche la situazione generale particolare – per fare investimenti (dal PNRR e dai Fondi Europei) per nuove infrastrutture e per una generale riforma di differenziazione delle fonti energetiche-, il Governo uscente ha cercato di alleggerire il peso della crisi sulle famiglie, con provvedimenti sempre forzati e stitici, per il crescente malessere dei soliti noti.
Sono rimasti solo il prestigio e la credibilità di Draghi a fare da argine a chi, dato il debito incredibile, voleva e vuole attaccarci. I fondi anglosassoni, gli edge fund e i ribassisti internazionali hanno sempre scommesso sulla nostra debolezza (debito, crisi energetica), ma con Draghi non osavano, temevano la reazione pronta di un uomo che già a suo tempo aveva salvati l’euro con estremo coraggio.
Ma poi si è fatta la crisi, abbiamo tolto le armi al Governo, abbiamo scelto di fermarci tre mesi e i ribassisti si sono di nuovo scatenati!
4. Il bello è che tutto questo tempo sta dimostrando che non si fa un passo avanti!
Le dichiarazioni dei candidati sono in generale penose, nel senso che non entrano nel merito dei grossi problemi (anzi, sembra che gli aspiranti De Nittis e Giolitti non li abbiano capiti). E perciò continuiamo a giocare, a credere negli slogan vuoti, a salire sul carro del presunto vincitore, a praticare a livello locale (Comuni, Associazioni, Fondazioni, Banche e Bcc, Bocciofile) la superficialità irresponsabile e talvolta la negazione dello Stato di diritto, diffuse ai piani “alti”.

Nelle due ore passate ad osservare i dodici paesini in fondo alla valle, ho pensato che laggiù ci saranno pure pochi giusti che non meritano tutto questo disastro….


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti