Rimosse buste di plastica in Valle dei Casali

Santori (PDL): “Presentata mozione per scongiurare soppressione Nucleo Roma Natura Casaletto”
Enzo Luciani - 28 Novembre 2011

“Sono diversi mesi che va avanti il mistero dei sacchetti di plastica che periodicamente aumentano all’interno della Valle dei Casali, in un curioso contesto in cui ogni giorno che passa aumentano le buste attaccate agli alberi che popolano la riserva naturale regionale. L’operazione svolta in queste ore dai guardia parco di Roma Natura appare senz’altro come grottesca ma altrettanto necessaria considerato che degradante appariva il paesaggio sia da Viale Newton che dal Trullo per chi ammirava questo polmone verde accompagnato dallo svolazzare enigmatico dei suddetti sacchetti”, così dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV.

“Inizialmente si pensava che tale fenomeno rappresentasse – insiste Santori – un messaggio in codice interno alle comunità nomadi per la divisione degli spazi da occupare illegalmente al fine di costruire il proprio accampamento. Ma sembrerebbe smentita anche questa voce. Sta di fatto che già nello scorso ottobre un’operazione di questo genere era stata portata a compimento sempre da Roma Natura, intervento che purtroppo nel giro di pochi giorni è stato necessario ripetere”.

“Il lavoro svolto dai guardia parco di Roma Natura – conclude Santori – è silente ma alquanto utile al mantenimento e al monitoraggio delle riserve naturali regionali della Valle dei Casali e della Tenuta dei Massimi e la speranza è che tale servizio possa continuare ad esistere sul territorio del Municipio XV e del Municipio XVI. Le voci sempre più pressanti sulla interruzione di tale servizio e quindi sulla soppressione del distaccamento di Roma Natura sito in Via del Casaletto non possono che preoccuparci ed a breve verrà discussa proprio in Municipio XV una mozione per richiedere alla direzione di Roma Natura di ripensare tale scelta, dannosa sia per il territorio che per le aree verde ivi presenti”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti