Rimuovere subito quegli inutili cartelloni elettorali

Lo chiedono in una nota Piergiorgio Benvenuti, Presidente di Ecoitaliasolidale e la Campionessa del mondo di marcia, Giuliana Salce
Redazione - 4 Ottobre 2022

“Da anni – affermano in una nota Piergiorgio Benvenuti, Presidente di Ecoitaliasolidale e la Campionessa del mondo di marcia, Giuliana Salce, oggi Responsabile per il Lazio di Ecoitaliasolidale – stiamo sostenendo che più mezzi di confronto vi sono nelle elezioni amministrative e politiche e maggiore possibilità hanno i cittadini di comprendere quale schieramento scegliere, ma proseguire ad installare migliaia di bandoni elettorali, peraltro in pessime condizioni e con un metodo di installazione che in molti casi crea  ulteriori danni ai marciapiedi ed alle strade,  già ampiamente compromesse, come è avvenuto nella Capitale anche nella recente campagna, ha voluto dire aver solo creato maggiore condizione di pericolo e di carenza di decoro. Infatti anche in questa elezione sono rimasti inutilizzati con pochissimi partiti e candidati che hanno utilizzato i manifesti per la propaganda.

“Peraltro – conclude la nota – a Roma con questi impianti ormai in pessime condizioni sono stati  interessati anche spazi verdi e aree a valenza archeologica e storica. Non vi è dubbio che vi è una legge che stabilisce il numero di bandoni rispetto ai residenti, una legge del 1956 che per esempio per i romani  ha un costo di circa 650 mila euro l’anno, ma nulla è stato fatto  per garantire la qualità di questi bandoni, sia  per il decoro cittadino che è importante, ma anche per  la sicurezza dei pedoni che debbono in molti casi fare veri e propri slalom fra le lamiere arrugginite. Inoltre non vi è dubbio che la propaganda politica in questi ultimi anni sta di fatto abbandonando l’utilizzo del tradizionale manifesto sostituito dalle comunicazioni attraverso la rete, un mezzo innovativo che ha un positivo valore ambientale per il minor utilizzo di carta e d’inchiostro, quindi  meno alberi abbattuti, meno inquinamento e meno rifiuti prodotti. All’Amministrazione di Roma Capitale, ora chiediamo di rimuovere con la massima urgenza i bandoni ancora in bella vista, per rispettare maggiormente il decoro cittadino e l’ambiente non solo a parole,  ma con fatti concreti, auspicando per il futuro di evitarne l’utilizzo”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti