Ritorna a Torpignattara il Karawanfest con il “Il Sorriso del cinema cinese”

Una rassegna cinematografica, spettacoli di danza e molto altro ancora alla Casa della Cultura
Ambra Di Chio - 11 Febbraio 2013

Domenica 10 febbraio 2013 si è svolta la giornata conclusiva dell’iniziativa “Il sorriso del cinema cinese” che, per tutto il fine settimana, ha animato la Casa della Cultura a Villa De Sanctis (Via Casilina, 665). L’evento, realizzato nell’ambito del progetto Karawanfest, ha riscosso molto successo tra gli abitanti del quartiere di Torpignattara che, come è noto, accoglie una delle comunità cinesi più numerose della Capitale.

La rassegna cinematografica, iniziata nei due giorni precedenti, è andata avanti con la proiezione (in lingua originale e sottotitolata) della commedia black “Inseparable” (Cina, 2011) del regista Dayyan Eng. Si tratta della prima pellicola cinese che ha potuto vantare la presenza nel cast di un attore hollywoodiano di grande rilievo, come Kevin Spacey. Il film è riuscito nell’intento di catturare l’attenzione del pubblico, grazie ad una serie di avvincenti colpi di scena ed improbabili risvolti comici.

La “Carovana itinerante” si è, dunque, trasferita nella vicina piazza della Marranella da dove è partita la performance della A.S.D. TAO CHI che si è esibita nella tradizionale “Danza del Drago e del Leone”. Il corteo ha sfilato lungo via Casilina per ritornare a Villa De Sanctis, dove i presenti sono stati allietati da uno spettacolo di danza realizzato dalle piccole allieve e dalle maestre della scuola Dong Fang.

I promotori dell’iniziativa (Associazione culturale Bianco e Nero e Comitato di Quartiere di Tor Pignattara) con queste tre giornate, dal sapore di festa popolare, hanno voluto rendere omaggio alla celebrazione del Capodanno cinese, secondo cui il 2013 (anno del serpente) ha avuto inizio il 10 febbraio. Per ottenere maggiori informazioni sui prossimi appuntamenti del Karawafest che ci terranno compagnia fino a giugno, visitate il sito www.karawanfest.it.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti