Ritrovata la Statua di Caligola a Nemi

La Guardia di Finanza scopre l’opera in un tir
di Serenella Napolitano - 16 Gennaio 2011

Grazie all’intervento del Gruppo tutela patrimonio archeologico della Guardia di Finanza, guidato dal maggiore Massimo Rossi,  giovedì 13 gennaio 2011, sono stati ritrovati i resti della grande statua di Caligola proveniente, secondo gli esperti, dall’omonima villa a Nemi.

I resti rinvenuti all’interno di un tir erano diretti in Svizzera e da lì sarebbero stati portati illecitamente nel resto del mondo.

La scoperta della stessa statua è stata ad opera, come ultimamente avviene in Italia, di un tombarolo, che all’arrivo delle forze dell’ordine aveva già fatto a pezzi la statua, decontestualizzando in questo modo l’opera d’arte, che in quel modo avrebbe sì avuto un valore artistico rilevante, ma non avrebbe più avuto storia.

Francesco FIGLIOMENI elezioni comune di Roma 2021

Gli archeologi hanno capito che si trattava delle famosa statua dell’imperatore Caligola, al potere tra il 37 e il 41 d.C., in quanto ai piedi, vi è il famoso calzare dei legionari, ‘la caliga’, indossata da Caligola e che gli valse nell’antichità il nome con cui, ancora oggi, l’imperatore è conosciuto. La statua siede su di un trono, con i simboli imperiali, fatto di marmo nobile proveniente dall’isola greca di Paros, tra i più preziosi del tempo.

L’imperatore doveva apparire nella statua come una divinità, cosi come racconta Svetonio nella sua ‘Vita dei Cesari’, e dunque doveva essere rappresentato come Zeus.

D’altra parte le stranezze e la megalomania di Caligola non rappresentano una novità, basti pensare alle due famose navi palazzo che si fece costruire sul lago di Nemi, una sorta di i palazzi galleggianti con ogni tipo di comfort e di ricchezza.

Oltre al ritrovamento della statua, gli archeologi, sono certi che proprio sulla collina, da dove è stata trafugata l’opera ci sono i resti della villa di Caligola. E forse questa è stata l’emozione più grande per loro insieme ad un’ulteriore conferma. Da tempo, infatti, gli esperti sono certi che sul quel laghetto vulcanico, Caligola avesse costruito anche una dimora residenziale. Era un luogo da lui amato, a tal punto che, forse per riposare in eterno, abbia scelto di essere sepolto proprio lì.

Ora l’unico problema e la vera sfida sarà sia da parte dello Stato che del mondo scientifico, di arrivare prima dei tombaroli.

Adotta Abitare A
Pubblicità elettorale 2021 amministrative Roma

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti